Eventi e cultura

L’Orchestrina di Pulcinella a Salerno

Quarto appuntamento del cartellone estivo di Salerno Classica giovedì 21 luglio, nell’atrio del Duomo, alle ore 21 con lo spettacolo musicale per famiglie dell’attore e burattinaio Sergio Mari

 Quarto appuntamento nell’atrio del Duomo di Salerno giovedì 21 luglio, alle ore 21, per l’Estate di questa seconda edizione di Salerno Classica, progetto ideato dalla Associazione Gestione Musica, che ha visto l’associazione concorrere e ottenere il finanziamento dal Fondo unico per lo Spettacolo. La direzione dell’Associazione Gestione Musica, di Francesco D’Arcangelo, Fabio Marone e Gigi Lamberti, ha pensato ad una serata dedicata alle famiglie e ai bambini, invitandole al teatro dei burattini.

“L’orchestrina di Pulcinella”, di scena domani 21 luglio, è una rivisitazione del classico teatro delle guarattelle napoletane, arricchito dalla presenza di un quintetto di fiati e percussioni che siede ai piedi del teatrino. Lo spettacolo trasporta i più piccoli nel fantastico mondo di Pulcinella, che partecipando col canto e la gestualità, scopriranno anche gli strumenti musicali e le proprie peculiarità. Pulcinella adora la musica classica e i suoi più grandi autori, e grazie all’aiuto dell’orchestrina, affronterà le proprie vicissitudini accompagnato dai brani classici più celebri e dalle indimenticabili colonne sonore di Morricone.

I membri dell’orchestrina saranno chiamati ad interagire con la storia e i numerosi accadimenti che in essa ci sono fino a dialogare con il pulcinella -attore. burattinaio che lasciando il teatrino e i suoi burattini, trasporta il pubblico in una nuova dimensione emotiva, che toccherà lo spettatore grazie a pièce teatrale sui valori moderni. Eterogeneo il programma musicale, che verrà proposto da Fabio Marone al fagotto, che è anche coautore dello spettacolo, Giovanni Liguori al clarinetto, il quale ha arrangiato anche i brani, Francesco Cirillo al flauto e ottavino, Alfonso Pisacane al corno e Giovanni Caiazza alle percussioni, che principierà con La Danza di Gioachino Rossini, il più famoso tra i Blue-Moon napoletani.

orchestrina pulcinella

Sbarco in Marocco con il Peer Gynt: di Edward Grieg, Peer assiste stupefatto al risveglio della natura in una magnifica alba africana. Il crescendo delicato e nel contempo deciso della musica rappresenta magnificamente la natura e il moto di rotazione del sole nascente, descrivendo fedelmente i suoni e i colori dell’ambiente naturale africano, quindi, i dodici rintocchi su un re, che, scandiscono lo scoccare della mezzanotte nella Danze Macabre di Camille Saint Saens, con uno strumento, che sembra accordarsi, che schizza sinistramente un primo tema, sarcastico nella sua successione di quinte giuste e quinte diminuite, emerge una specie di lento valzer, dal profilo malinconico che sfocia nella parodia sbilenca e bizzarra del Dies irae, Cambio di atmosfera con Chariots of Fire di Vangelis musica per tentar l’impresa, prima di rievocare il Morricone de’ Il bello, il brutto e il cattivo, un arrangiamento particolare, poiché nella partitura originale usa una melodia convenzionale, suonata da una chitarra elettrica, un’ocarina, e un’armonica, accanto a strumentazioni di tipo ancora meno convenzionale che includono il fischio, jodel, grugniti, vocalizzazioni talvolta irriconoscibili come umane, schiocchi di frusta e fucilate.

Passaggio al Fryderyk Chopin della Sonata op.35 n°2 con la Marcia Funebre, con il suo tema di desolante mestizia che si evolve sopra un “ostinato” costituito dall’alternarsi di due accordi, e la Hungarian Rhapsody n°2 di Franz Liszt dalle molteplici invenzioni timbriche suggerite dall’uso zingaresco del czimbalom e di strumenti quali proprio il clarinetto, segno del passaggio dalla semplice trascrizione alla elaborazione e nobilitazione degli stilemi popolari. Ed entra anche quel barbiere, tal Figaro, rossiniano, che fa anche il chirurgo, il botanico, lo speziale, il veterinario e soprattutto il sensale, attività in cui è il più abile della città di Siviglia, un vero ciclone meridionale che ammucchia in fretta parole su parole per avere sempre ragione.

Abbandono al Valse Triste di Jean Sibelius la danza che accompagna la morte che diviene espressione di quella affinità con il simbolismo che accompagnò Sibelius in gran parte della sua attività, per poi ascoltare  lo struggente “Tema di Marco”dal dallo sceneggiato Marco Polo, firmato da Ennio Morricone e affidato, all’epoca, al suono della viola di Dino Asciolla, per quindi concludere in allegrezza con la Danza di Zorba, il Sirtaki di Mikis Theodorakis in cui si specchia l’identità della Grecia moderna, nei ritmi in accelerazione di quella scena epica, girata sull’isola di Creta.

Sergio Mari, attore e burattinaio

 Dal 2005 si occupa di attorialita’ e di scrittura e ha seguito importanti laboratori e stage condotti da maestri nazionali e internazionali, come Joseph Ragno dell’Actor’s studio di New York e quello di Gary Bracket del Living Theatre, sempre di New York, Pasquale De Cristofaro, Renato Carpentieri, già Premio David di Donatello, la regista argentina Nayra Gonzales, Mimmo Borrelli, Letizia Russo, Mario Mascitelli, Laura Curino e Lino Avendola, Ludmilla Ryba. Nel 2014, incuriosito dal teatro di figura, si accinge ad essere tra gli allievi del burattinaio internazionale Gaspare Nasuto e dallo stesso anno intraprende un lavoro di scrittura e di performance in tutta Italia con la sua baracca e i suoi burattini, facendo diventare dal 2019, la sua pièce teatrale, attrazione stabile dei Templi di Paestum.

Per arricchire ulteriormente le performance con il teatro di figura nel 2018 frequenta il corso del clown Vladimir Olshansky del Cirque du soleile. Nel frattempo, prosegue il percorso della scrittura, pubblicando tre libri. Dal 2015 intrapresi gli studi drammaturgica, scrive e dirige diversi spettacoli teatrali come: Un pallone caduto ad Auschwitz; storia dell’ allenatore di calcio Arpad Weisz, trucidato nei campi di concentramento; L’ultimo volo di Giovanni Falcone, La storia di Gino Bartali, Siani-Impastato, Rosso Malpelo tratto da Giovanni Verga, l’Odissea e l’Iliade, tratte da Omero.Da sempre attivo nella ricerca di nuove formule musico teatrali, è co-autore di diversi spettacoli, tra cui “Histoire du soldat – L’ultima tentazione di Pulcinella”, “Terra mia -omaggio sinfonico a Pino Daniele”, “L’orchestrina di Pulcinella”.

orchestrina pulcinella

L’orchestrina di Pulcinella

è formata da 5 professori d’orchestra, diplomatisi e laureatisi presso il Conservatorio G. Martucci di Salerno. Al fagotto Fabio Marone, che è anche l’autore dello spettacolo insieme a Sergio Mari, ed è attualmente docente di Musica d’insieme per Strumenti a Fiato presso il Conservatorio G. da Venosa di Potenza.

Al clarinetto Giovanni Liguori, che oltre ad aver suonato con importanti orchestre nazionali e internazionali, negli anni si è distinto per i suoi lavori compositivi ed è infatti l’autore degli arrangiamenti musicali dello spettacolo.

Al flauto Francesco Cirillo, musicista polivalente che si sta distinguendo anche per la sua ricerca sul flauto traverso nei generi più moderni, oltre ad essere l’ottavinista dell’Orchestra del Teatro G. Verdi di Salerno. Al corno Vincenzo Di Lieto, vincitore dell’audizione al Teatro Massimo di Palermo, oltre ad essere anch’egli corno stabile del massimo cittadino salernitano. A completare il quintetto con le percussioni, c’è Giovanni Caiazza, percussionista stabile del Teatro G. Verdi di Salerno e di diverse formazioni classiche e non, come L’Invidia, gruppo rock emergente che ha vinto le selezioni del prossimo Sanremo Rock.

Salerno, giovedì 21 luglio, quadriportico del Duomo. Lo spettacolo ha un tagliando d’ingresso di  10 euro adulti, 5 euro ridotto (+65 o 14-18 e studenti), sotto i 14 disabili e accompagnatori gratuiti

Info.: [email protected] 3928435584


Nunzia Giugliano

Articoli correlati

Back to top button