Inchiesta

Overshoot Day, allarme esaurite le risorse del pianeta Terra

Cade il 1 Agosto Overshoot day, il giorno che segna l’esaurimento delle risorse rinnovabili che la Terra è in grado di rigenerare in un anno.

Cos’è overshoot day

Il giorno cioè in cui la popolazione dell’intero pianeta avrà consumato tutte le risorse terrestri disponibili per il 2018, cominciando quindi a “sovrasfruttare” il pianeta.
I dati vengono dati dall’organizzazione di ricerca internazionale la “Global footprint network”. L’uomo sfrutta velocemente le risorse della Terra più di quanto essa riesca a rigenerarsi nell’arco di 365 giorni.
Gia studi del 1975 hanno dimostrato che a causa della crescita della popolazione mondiale e dell’espansione dei consumi in tutto il mondo emettere più CO2 di quanto gli oceani e le foreste ne possano assorbire. La terra non riesce a stare al nostro passo, oppure noi non aspettiamo che la terra si rigenera.


Le foreste, grazie al processo della fotosintesi, sono le nostre principali alleate nella riduzione della quantità di CO2 presente nell’atmosfera. Il disboscamento produce tra il 12 e il 20 per cento delle emissioni globali di gas serra,contribuendo in materia determinante al riscaldamento globale.

L’oceano è immenso, ricopre oltre il 70 per cento del nostro pianeta, ma siamo riusciti a danneggiarlo quasi interamente. Un team di ricercatori della Wildlife Conservation Society, coordinato da Kendall Jones ha scoperto che l’86,8 per cento delle acque oceaniche è stato inquinato dalle attività umane, solamente il 13,2 per cento degli oceani è incontaminato. Di questo passo nel 2030 resteremo senza risorse. Un trattato firmato dall’Unione Europea, dagli Stati Uniti e da altre sette nazioni a Novembre del 2017 ha vietato la pesca commerciale nel mar Glaciale artico proprio per evitare lo sfruttamento indiscriminato di un luogo che rischia di diventare sempre più accessibile a causa dello scioglimento dei ghiacci.


L’accordo raggiunto da Unione europea, Stati Uniti e altre sette nazioni proteggerà l’Artico per almeno 16 anni.

Bisogna adottare provvedimenti che puntare sulle energie pulite alla tutela delle acque e stabilire zone protette.


La Costa Rica genera il 93 per cento di energia da rinnovabili.

La pesca industriale e intensiva sta svuotando mari e oceani di tutto il mondo esaurendo gli stock ittici senza dare ai pesci il tempo di crescere e riprodursi.



Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button