Cronaca

Padula, sfiorata la tragedia: giovane 21enne salvo per miracolo

 

PADULA. Ancora un incidente spaventoso si è verificato sulle arterie del Vallo di Diano, sulla strada statale 19 nel tratto compreso tra Padula Scalo e Montesano.

L’incidente si è verificato questa mattina intorno alle ore 6, ed ha visto coinvolta una Fiat Multipa con alla guida un giovane di 21 anni di San Rufo, che viaggiava in direzione Montesano SM. L’auto, per cause ancora da accertare, è sbandata dopo aver perso il controllo ed è finita fuori dalla carreggiata, impattando i pali della pubblica illuminazione e colpendo i cartelloni stradali, prima di capovolgersi.

Gli automobilisti che passavano in quella zona subito anno dato l’allarme. Parte del motore dell’auto è rimasto incastrato ad uno dei pali della luce.

Viste le condizioni della strada e dell’auto è stato davvero un miracolo per il giovane 21enne solo alla guida della Multipla, che se la cava con un forte spavento e qualche contusione, dopo essere uscito cosciente dalla sua auto. Quindi le condizioni del ragazzo non sono fortunatamente gravi.

Sul posto, insieme ai sanitari del 118, sono immediatamente giunti i Militari dell’Aliquota Radiomobile di Sala Consilina, guidati dal Maresciallo Gentile, ed i vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, guidati dal caposquadra Eugenio Siena. Sul luogo è giunta anche la madre 46enne del giovane coinvolto nel sinistro, e dopo aver visto la dimanica dell’incidente è stata colta da un malore ed ha avuto un mancamento.  La donna è stata soccorsa prima dai Vigili del Fuoco  e poi dai sanitari del 118. Il 21enne e la madre sono stati condotti all’ospedale di Polla per i controlli del caso.

Il fatto ha generato anche disagi e problemi di sicurezza sia per la rete elettrica, a causa dei pali elettrici toccati, sia per la bombola di gas GPL presente sulla  Multipla, che è stata messa in sicurezza dai Caschi Rossi, dopo la costatazione di una probabile perdita di gas dovuta alla violenza del sinistro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button