Cronaca

Covid a Pagani, il sindaco: “Pronto a chiudere zone della città”

Coronavirus, il sindaco di Pagani Lello De Prisco lancia l'allarme: "Dobbiamo agire adesso per evitare un lockdown territoriale"

Coronavirus, il sindaco di Pagani Lello De Prisco lancia l’allarme: «Dobbiamo agire adesso per evitare un lockdown territoriale, sia a Pagani che nell’Agro. A Pagani rischiamo di avere circa 7mila contagiati nei prossimi 15 giorni».

Pagani, l’allarme del sindaco

Parla così il sindaco Lello De Prisco durante la conferenza stampa di ieri mattina alla sede della protezione civile Papa Charlie a Pagani. La conferenza stampa era stata convocata dal neo primo cittadino per informare la popolazione paganese, ma anche quella dei comuni vicini, dell’effettivo rischio zona rossa.

I numeri

«A Pagani risultano contagiati il 23% dei sottoposti a tampone mentre la media regionale è del 13%, senza considerare i risultati dei laboratori privati. I contagiati potrebbero essere di più degli oltre 170 conosciuti – ha affermato il dottor Ravano – La curva dei contagi ci indica che nei prossimi 15 giorni si potrebbero avere circa 7mila contagiati, un quinto della popolazione cittadina».

«Nella struttura di via Mangioni dalla prossima settimana sarà attiva l’Usca e tutti gli operatori del mercato ortofrutticolo, paganesi o meno, potranno sottoporsi ai controlli necessari» ha affermato il sindaco De Prisco. Nella struttura agroalimentare, infatti, si teme per l’esistenza di un focolaio crescente tra operatori, imprenditori e clienti provenienti da ogni parte d’Italia oltre che della provincia di Salerno. Una situazione preoccupante denunciata anche dal Cogmo, che lamenta l’abbandono della struttura e l’inconsistenza delle misure di controllo

“Pronto a chiudere zone della città”

Il sindaco De Prisco, però, ha promesso ordinanze restrittive nei prossimi giorni. «Sono pronto a chiudere zone della città in cui gli assembramenti continuano ad essere all’ordine del giorno, come piazza Sant’Alfonso ed il centro polivalente di via Pittoni. Se non diminuiranno i contagi, sarò costretto a chiudere diverse zone se non interverrà la Regione Campania o il governo con un lockdown».

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto