Pagani, maltempo: stato di calamità

indagati

PAGANI. Il maltempo è stato inclemente in tutta la Campania, ma a Pagani i danni provocati ad edifici pubblici e privati tra il 28 e il 29 febbraio sono costati al punto che il sindaco della città, Salvatore Bottone, abbia deciso di richiedere la dichiarazione dello stato di calamità naturale. Riportiamo quanto da lui stesso […]

PAGANI. Il maltempo è stato inclemente in tutta la Campania, ma a Pagani i danni provocati ad edifici pubblici e privati tra il 28 e il 29 febbraio sono costati al punto che il sindaco della città, Salvatore Bottone, abbia deciso di richiedere la dichiarazione dello stato di calamità naturale.

Riportiamo quanto da lui stesso dichiarato: « Sono sotto gli occhi di tutti i danni causati dalle forti raffiche di vento che nella notte tra il 28 ed il 29 febbraio appena trascorsa hanno investito la città di Pagani. Una burrasca che si è trasformata in una vera e propria tromba d’aria che ha danneggiato proprietà pubbliche e private obbligando ad immediati interventi che costituiscono, di fatto, spese straordinarie sia per i proprietari di immobili sia per il Comune che si trova a dover operare per la rimozione immediata dei pericoli. E proprio in considerazione di tali eventi che l’Amministrazione da me guidata ha chiesto all’On. Presidente del Consiglio dei Ministri, all’On. Ministro dell’Interno, alla Regione Campania nonché al Prefetto di Salerno, con apposita delibera, la dichiarazione dello stato di calamità naturale che ha colpito il territorio del Comune di Pagani. Un atto di responsabilità dell’Amministrazione verso i cittadini, indispensabile per creare i presupposti nel richiedere agli organi competenti di contribuire economicamente alle spese straordinarie sostenute dai privati e dal pubblico nel ripristino delle condizioni di sicurezza di ville, edifici, scuole e tanto altro».

TAG