Cronaca

Pagani, morto in via Amalfitana: l’uomo ucciso da una scheggia del flex

Pagani, morto in via Amalfitana: l’uomo ucciso da una scheggia del flex. Continuano le indagini sul caso. Due persone accusate di omicidio.

Il flex avrebbe ucciso l’operaio di Pagani

Continuano le indagini sul caso dell’uomo trovato morto pochi giorni fa in via Amalfitana a Pagani: stando all’autopsia, pare che a provocare la ferita mortale all’uomo sarebbe stata una scheggia di un flex che avrebbe utilizzato sul posto di lavoro. Al momento del ritrovamento del cadavere, infatti, i carabinieri della tenenza di Pagani e del Reparto di Nocera Inferiore avevano riscontrato una ferita al lato destro del petto di Dario, 47enne così chiamato da tanti.

Una scheggia dunque, ad altissima temperatura, avrebbe bruciato parte del corpo della vittima: prima bruciando la pelle e poi andando in profondità, fino a passare dal polmone e provocando il riempimento del pericardio che ha comportato complicazioni al cuore.

Intanto, il cantiere dove lavorava l’uomo è stato dissequestrato ma due persone restano sotto indagine con l’accusa di omicidio colposo.

 

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button