Cronaca

Pagani, rissa tra ventenni e il benzinaio: quattro a processo

PAGANI. Giorno di San Valentino del 2015, stazione di servizio, quattro giovani residenti tra Scafati, Nocera e Pagani, si sono resi protagonisti di una rissa. A distanza di 3 anni, saranno processati tutti e quattro.

Secondo quanto trascritto negli atti dell’indagine e sulla base delle immagini registrate dalla telecamera di sicurezza, alle 18 circa del 14 febbraio 2015 una Fiat Panda giunse nella stazione di servizio a Pagani per fare rifornimento: due giovani ebbero uno scambio con l’operatore e poi lo aggredirono. Poco dopo ci fu la seconda aggressione, che coinvolse gli stessi giovani, il benzinaio e suo fratello.

Il fatto

Due giovani di Scafati si erano fermati insieme con alcuni amici per fare benzina. Sarebbero stati due dei quattro imputati, due ventenni, ad aggredire l’addetto alle pompe di benzina, che in seguito alla colluttazione fu medicato in ospedale. Però, anche il benzinaio è finito nel banco degli imputati.

Racconta chiaramente uno dei testimoni: «C’era da fare un rifornimento di diesel. Dopo aver messo dieci euro di carburante, due dei miei amici scesero di colpo dall’abitacolo e si azzuffarono con il benzinaio. Giunsero subito altre persone e così scendemmo anche noi dall’auto, ma solo per dividerli. Poi risalimmo in macchina e riuscimmo a scappare, ma tornammo subito dopo per recuperare un telefono cellulare che era caduto a terra».

La seconda aggressione

Dopo il ritorno dei ragazzi, una nuova aggressione. I verbali riempiti dalla Procura dicono che: «C’erano cinque o sei persone colleghi di lavoro del benzinaio, pensavano volessimo provocarli, che eravamo tornati apposta. Inveivano contro di noi, ci accerchiarono e ci aggredirono».

Le quattro persone imputate, tra le quali i due ventenni e soggetti con più di trent’anni, saranno processati con l’accusa di rissa. Tutti e quattro hanno presentato opposizione ad un decreto penale di condanna, scegliendo la via del dibattimento.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button