Pagani, ubriachi spaventano i clienti del bar: intervengono i carabinieri

rapina-sala-giochi-salerno-bancomat-autogrill

Pagani, ubriachi spaventano i clienti del bar: intervengono i carabinieri. Controllati due cittadini extracomunitari: uno di loro è stato allontanato

Pagani, ubriachi spaventano i clienti del bar: intervengono i carabinieri. Controllati due cittadini extracomunitari: uno di loro è stato allontanato.

Pagani: calci e pugni alle slot poi l’aggressione al persone

Momenti di tensione ieri sera a Pagani, dove è stato necessario l‘intervento dei carabinieri presso uno storico bar di via Cesarano a causa di due cittadini extracomunitari, i quali hanno creato disordine essendo tra l’altro ubriachi e particolarmente alterati.

I due avevano consumato alcuni cartoni di vino Tavernello che erano stati scoperti dai dipendenti del bar all’interno del bagno. Come se non bastasse, una volta appurato che quel vino apparteneva ai due uomini, il personale ha dovuto pure fronteggiare il loro stato di alterazione. Infatti, essendosi recati nella sala slot e cominciando a perdere soldi, i due stranieri hanno preso a pugni e a sputi le macchinette da gioco, costringendo uno dei dipendenti a intervenire.

Tuttavia, il giovane è stato aggredito e alla fine il titolare dell’esercizio ha dovuto allertare il 112 arrivato a sirene spianate nel giro di poco tempo, mentre le strade principali di Pagani erano chiuse per via di una manifestazione legata all’imminente Epifania.

I militari hanno controllato i due e il più alterato è stato allontanato, mentre all’altro è stato permesso di restare nel bar dato che era stato considerato innocuo e non responsabile come il suo amico per i disordini provocati che hanno costretto molti clienti a lasciare il posto.

Tuttavia, non finisce qui. Una volta andati via i carabinieri, il più facinoroso sarebbe tornato e avrebbe minacciato il titolare. A rimetterlo in riga sarebbero stati due clienti che sarebbero riusciti ad allontanarlo facendo necessariamente riferimento all’uso della forza, ma non in maniera estremamente violenta.

TAG