Cronaca

Passioni negate per colpa della sedia a rotelle: rinuncia a Liverpool-Roma

Disabilità e passioni negate. Un tifoso del Liverpool costretto a saltare la partita contro la Roma dopo che la compagnia aerea Jet2 ha detto che la sua sedia a rotelle è troppo grande per stare in aereo.

Disabilità anche negli anni duemila può far sinonimo con passioni negate. A confermarlo la vicenda di un tifoso del Liverpool FC disabile che molto probabilmente, salvo miracoli dell’ultima ora, sarà costretto a saltare la trasferta del club inglese a Roma dopo che gli è stato detto che non potrà volare perché la sua sedia a rotelle è “troppo grande”.

Passioni negate per colpa della sedia a rotelle: rinuncia a Liverpool-Roma

Desideroso di vedere la partita del Liverpool contro la Roma il 2 maggio, Daniel Wakefield, 31 anni, ha dichiarato di aver prenotato un volo charter di andata e ritorno con la compagnia aerea Jet2 attraverso la società Sport Options. Ma il giovane Wakefield, di Allerton, un sobborgo di Liverpool, afferma di essere stato lasciato con un messaggio del tipo “nessun modo di viaggiare” per vedere la sua squadra giocare nella semifinale. Jet2 avrebbe affermato che la sua sedia a rotelle elettrica “non aderisce alla loro politica”. Il sito Web del vettore aereo afferma che “gli ausili per la mobilità elettrica che superano 81 cm di altezza saranno trasportati solo se l’altezza può essere ridotta piegando/rimuovendo il sedile per consentirne il passaggio attraverso la porta dell’aeromobile”.

La sedia a rotelle del signor Wakefield è alta 120 cm. Soffre di una condizione di indebolimento muscolare noto come atrofia muscolare spinale – dove i muscoli si indeboliscono nel tempo e può portare a problemi connessi al sedere, camminare o muoversi, riporta il Liverpool Echo. Wakefield ha bollato la decisione come un “disonore” e ha detto “è un enorme errore della compagnia aerea”.

Le dichiarazioni

Tuttavia, i rappresentanti della compagnia hanno ripetutamente affermato che l’ausilio è “troppo grande per andare oltre le porte”. L’azienda Sport Options ha rilasciato a Daniel un rimborso, ma questi è rimasto senza mezzi per recarsi a Roma per guardare la squadra del cuore a causa di quello che ritiene essere una “scappatoia” nella legge. Wakefield ha dichiarato: «Indipendentemente dal ragionamento che Jet2 ha fornito, non mi hanno ancora spiegato in dettaglio. La legge dice che gli aeroporti possono rifiutarsi di accettare sedie a rotelle se l’aereo non è adatto a causa delle sue dimensioni, o per altri motivi che rendono fisicamente impossibile trasportare le persone su sedia a rotelle.

Questa è ovviamente una scappatoia che i vettori possono sfruttare. Come detto sul sito Web di Jet2 afferma che “gli ausili per la mobilità elettrica che superano gli 81 cm di altezza saranno trasportati solo se l’altezza può essere ridotta piegando/rimuovendo il sedile per consentirne l’inserimento attraverso lo sportello dell’aeromobile”. Tutto quello che voglio fare è avere la possibilità di vivere la vita e viaggiare senza problemi senza dover far salti mortali, proprio come tutti gli altri.

Non sono il tipo di persona che piagnucola, ma sento che è giunto il momento di parlare apertamente, perché le cose sembrano peggiorare, piuttosto che migliorare, e situazioni come questa stanno diventando sempre più diffuse in tutti i settori della società. Ciò è inaccettabile e le cose devono cominciare a cambiare».

I sospetti di Wakefield

Il signor Wakefield dice di aver viaggiato spesso e di non aver mai avuto problemi con la sua sedia a rotelle. Ha aggiunto: «Ho viaggiato molto in Europa e negli Stati Uniti su tutti i tipi di aeromobili e non ho mai avuto alcun problema. Sospetto che si tratti solo di una scusa perché non possono preoccuparsi del fastidio di trasportare una sedia a rotelle elettrica e rendono ciò impossibile a causa delle loro irragionevoli condizioni di trasporto.

Anche se è stato dimostrato che la sedia non può stare nella stiva – cosa che penso non corrisponda al vero – il punto più ampio è che le leggi devono cambiare per dare una migliore protezione alle persone disabili come me per impedire che ciò continui ad accadere».

Un portavoce di Jet2 ha dichiarato: «Siamo stati in contatto con Dan per scusarci, perché purtroppo la sua sedia a rotelle è troppo grande per passare attraverso le porte da carico sui nostri aerei».

Lo Sportello dei Diritti

Una vicenda emblematica ma anche una pubblica denuncia, che per Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti costituisce un grido d’allarme alle istituzioni che si occupano di trasporti, perché non è tollerabile che situazioni analoghe si possano più verificare in futuro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button