Cronaca

Paura ad Eboli, operaio disoccupato minaccia di gettarsi nel vuoto

EBOLI.  Un operaio disoccupato ha minacciato di gettarsi nel vuoto questa mattina ad Eboli.

Si chiama Vincenzo Lauranzano e questa mattina si è presentato di nuovo nel cantiere edile di piazza regione Campania dove ha dato inizio, fin dalle 6.30, alla sua protesta.

La protesta

«Sono quindici giorni che mi prendono in giro. Ho chiesto di essere assunto in prova ma non mi ascoltano», ha spiegato l’operaio ex sindacalista della Cgil.

Sul posto sono giunti i carabinieri, i vigili del fuoco e i medici del 118. ed alle 8, come riporta Il Mattino, è arrivato anche il sindaco ma non è riuscito a convincere Laurenzano a scendere dall’impalcatura.

«Il personale è completo, non facciamo per ora altre assunzioni», ha spiegato un tecnico dell’azienda edile Guglucciello.

La fine della protesta

In piazza regione Campania nasceranno 16 alloggi Iacp per le famiglie senza reddito. I lavori dovrebbero finire entro 24 mesi. Alle 10 la protesta di Laurenzano è finita. Rabbonito dai carabinieri, il manovale è sceso dall’impalcatura ed è uscito dal cantiere.

Per Cosimo Esposito, dirigente della Fillea Cgil, «la protesta in questi termini è improduttiva e sbagliata».

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio