Cronaca

Salerno, abusi su tre fratellini: un’altra perizia sconfessata in Appello

Pedofilia Salerno, arriva la decisione della Corte d’Appello. Ieri si è tenuto il processo di secondo grado a carico dei presunti protagonisti di uno squallido giro di pedofilia ai danni di tre fratellini dalla tenerissima età, consumatosi nel cuore della città tra il 2006 e il 2008.

Pedofilia a Salerno, il caso

I legali degli otto imputati – come racconta Viviana De Vita sulle colonne de Il Mattino – hanno chiesto la rinnovazione del dibattimento e la nomina di un collegio di periti. Le conclusioni dei consulenti sembrano ribaltare l’esito del procedimento di primo grado quando, dopo una lunga istruttoria, scattarono condanne esemplari per gli imputati.

La vicenda

Giuseppe S., padre di tre bambini, fu condannato a 18 anni di reclusione. I salernitani Walter Barbone e Rita Colucci incassarono una condanna di 15 anni; la 74enne ormai deceduta era proprietaria di uno degli appartamenti dove si sarebbero consumati gli orrori, indicata dalla procura quale “regista” dello squallido affare.

13 anni per Domenico Rispoli; 14 anni per Dario Marruso; 10 anni per Vittorio Gallo; 13 anni per Roberto Placanico e Vincenzo Bianco. Le accuse, confermate dai giudici della terza sezione penale del tribunale di Salerno erano pesantissime:

  • violenza sessuale,
  • atti sessuali con minorenni,
  • videoriproduzioni pedopornografiche.

 

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto