Per la prima volta al mare dopo lo sbarco, giornata degli immigrati a Battipaglia/FOTO

Evento al Lido Lago

BATTIPAGLIA. Vengono da diversi paesi africani ed hanno visto per la prima volta il mare, ieri al Lido Lago di Battipaglia, dal giorno dello sbarco. Era il primo settembre dello scorso anno quando centinaia di immigrati, dopo un lungo e difficile viaggio in nave, attraccarono sulla costa salernitana. Provenivano da Gambia, Senegal, Mali, Bangladesh e Ghana. Di questi, 15 ragazzi minorenni vivono da allora presso il centro d’accoglienza di Sassano, in frazione Caiazzano, gestito dalla Caritas di Teggiano-Policastro. Per tutta la giornata di ieri, 13 ragazzi, tra i 15 ed i 18 anni, del centro sono stati ospiti dello stabilimento Lido Lago di Battipaglia per un evento interamente dedicato ai profughi, allo scopo di sostenere le politiche dell’accoglienza.

“Il mare non è nostro nemico! Con noi per un onda di gioia”: questo il tema dell’incontro – una giornata di mare, sole e sport – mostrato su tutte le magliette che indossavano gli aderenti all’iniziativa. L’evento è stato organizzato da Eppines Group Animazione di Gianluca Fusco, con Roberta Stromillo e Cinzia Lettera. La giornata ha previsto una lunga seduta di Life Pump, ginnastica, danza e allenamento sulla spiaggia con i bagnanti del Lido Lago. Presente anche il noto dj Gigi Squillante, recentemente premiato al Facenight 2015.
Lanciata anche la proposta di borse di studio che accompagnino i giovani profughi nel loro percorso. «La giornata di solidarietà – ha detto il direttore regionale della Caritas campana, don Vincenzo Federico – intende rilanciare l’idea dell’accoglienza».

 Ad accompagnare i ragazzi a mare e nelle attività della giornata c’erano i volontari del centro di Sassano. «Avevamo promesso ai ragazzi di portarli in spiaggia dopo il Ramadan (molti di loro sono musulmani) e così abbiamo fatto – spiegano i volontari – d’altra parte è la prima volta che vedono il mare dal giorno dello sbarco. Alla base di questa iniziativa, come delle altre del centro, c’è il lavoro giornaliero di integrazione. In previsione ci sono altri progetti, come un laboratorio teatrale».

All’interno del centro di Sassano, i ragazzi studiano ed hanno ottenuto anche la licenza media. Tutti seguono corsi di italiano e di formazione professionale per essere avviati verso il mondo del lavoro. «I ragazzi si stanno integrando anche a Sassano – continuano i volontari – sono tutti maschi minorenni ed hanno bisogno dei loro spazi anche al di fuori della struttura, per cui è fondamentale il rapporto con il territorio circostante».

[Best_Wordpress_Gallery id=”173″ gal_title=”Battipaglia giornata profughi”]

Tra i 13 ragazzi al Lido Lago, c’era ieri anche David, 18enne proveniente dal Ghana. Parla italiano meglio degli altri ed ha voluto ringraziare gli organizzatori della giornata al Lido Lago. «Siamo tutti contenti di questa iniziativa – ha commentato David – tutti noi abbiamo vissuto l’esperienza di un lungo viaggio in mare per venire in Italia. Io ho pagato mille dollari e la mia famiglia è rimasta in Ghana. Sono qui per un futuro migliore. Vorrei rimanere in Italia e fare il carrellista».

TAG