Cronaca

Salerno, sequestrati 11mila chili di pesche tunisine: trovate larve vive all’interno

Undicimila chili di pesche sequestrate al porto di Salerno. Il Servizio Fitosanitario Regionale della Campania, con i propri Ispettori, ha effettuato un’intercettazione di una partita di frutti di pesco proveniente dalla Tunisia (spedizione di 1680 colli per un totale di 11000 chilogrammi di pesche) presso il Posto di Controllo Frontaliero (PCF) di Salerno – Porto.

Pesche sequestrate al porto di Salerno, arrivavano dalla Tunisia

In particolare nei frutti di Prunus persica esaminati con le attrezzature in dotazione ai PCF del SFR Campania (stereomicroscopio e fotocamera digitale), sono state riscontrate larve vive appartenenti a popolazioni di “Tefritidi non europei”, organismi nocivi da quarantena per la UE come indicato dalla vigente legislazione fitosanitaria europea. Alla luce di quanto riscontrato si è provveduto ad inoltrare l’apposita intercettazione nel nuovo sistema Traces NT che a sua volta invia la segnalazione agli organismi internazionali competenti (EPPO), comprese le autorità tunisine.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button