«Pezzi di m…». Operaio licenziato per un’offesa su Facebook

La Doria chiusura stabilimento Acerra

Aveva pubblicato su Facebook un’offesa alla ditta per la quale lavorava. Il commento «Pezzi di m...» costa il posto a un operaio de La Doria

Aveva pubblicato un’offesa su Facebook alla ditta per la quale lavorava. Il commento «Pezzi di m…» costa il posto a un operaio de La Doria.

«Pezzi di m…». L’offesa su Facebook costa il posto a un operaio

Il quotidiano La Città racconta della vicenda di Michele Gaglione, ormai ex dipendente della nota ditta di conserve alimentari, sindacalista della Flai Cgil.

Nei giorni scorsi La Doria aveva chiuso lo stabilimento di Acerra, disponendo il trasferimento dei dipendenti a Fisciano, Sarno e nella storica sede di Angri. Gaglione aveva apostrofato in modo volgare la ditta sul social, commentando la lettera pubblicata da un collega, relativa appunto alla comunicazione di trasferimento.

In risposta, La Doria ha licenziato il sindacalista, al fianco del quale si sono schierati gli operai di tutti gli stabilimenti. Per il prossimo 16 novembre è stato proclamato uno sciopero, mentre il sindacalista s’è detto pronto ad avviare una battaglia legale per ottenere la riassunzione.

Al quotidiano, Gaglione ha raccontato di aver seguito tutta la battaglia dei colleghi per evitare i trasferimenti, accusando la ditta di aver trovato un pretesto per licenziarlo, proprio a causa di questo suo impegno sindacale.

TAG