Polla, omicidio Olena Tonkoshkurova: arrivano le motivazioni della sentenza

Polla-omicidio-Olena-Tonkoshkurova-condanna

Polla, omicidio Olena Tonkoshkurova: le motivazioni della sentenza che hanno spinto la Corte di Cassazione a conferamre la condanna di Dmytro Zastavnetsky

Arrivano le motivazioni della sentenza sull’omicidio di Olena Tonkoshkurova, massaggiatrice 50enne di nazionalità ucraina barbaramente uccisa a Polla il 24 giugno del 2013.

Omicidio di Olena Tonkoshkurova, la sentenza

Come si legge su Infocilento, non è stata provata l’omissione dell’avviso all’imputato della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio del PM e per questo motivo i verbali sono da considerarsi validi. Questo è uno dei motivi che ha spinto la Corte di Cassazione a la condanna a 21 anni di reclusione inflitta dalla Corte di Appello di Potenza al 29enne ucraino, Dmytro Zastavnetsky.

L’omicidio

Il 24 giugno del 2013 uccise la 50enne massaggiatrice sgozzandola con un coltello. Poi diede fuoco all’abitazione all’ingresso del centro storico del paese per cercare di nascondere le prove.

TAG