Cronaca

Polla, omicidio Olena Tonkshkurova: 21 anni di carcere a Zastavnetskyi

POLLA. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 21 anni di reclusione nei confronti di DmytroZastavnetskyi, ucraino ma residente nel comune di Polla, perchè ritenuto essere l’autore dell’omicidio di Olena Tonkoshkurova, la massaggiatrice 50enne di nazionalità ucraina barbaramente uccisa il 24 giugno 2013 nella camera da letto della sua abitazione in via Porta del Bagno a Polla.

Olena morì per dissanguamento dopo essere stata colpita alla gola con un coltello. La Corte d’appello di Potenza aveva ridotto di 5 anni la pena al giovane che in primo grado era stato condannato a 26 anni.

Dmytro Zastavnetskyi, allora 27enne, era stato arrestato dopo 12 ore di serrate indagini dei carabinieri della Stazione di Polla agli ordini dei marescialli Danilo Marzulloe Giovanni Cunsolo condotte insieme all’allora sostituto procuratore di Sala Consilina Carlo Rinaldi.

Il giovane fu tradito dalla bicicletta con la quale si era allontanato dall’abitazione della vittima. Alcune telecamere di videosorveglianza lo avevano ripreso mentre si allontanava pochi minuti dopo l’omicidio. Per nascondere le tracce Zastavnetskyi aveva appiccato anche un incendio all’interno dell’abitazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto