Cronaca

Istituito un centro antiviolenza dedicato ad Anna Borsa, la ragazza uccisa dall’ex fidanzato a Pontecagnano

Il centro in questione, gestito dall'Associazione Differenza Donna Aps e reperibile 24 ore su 24, offre numerosi servizi

Istituito un centro antiviolenza dedicato ad Anna Bora, la ragazza uccisa dall’ex fidanzata a Pontecagnano. Il centro in questione, gestito dall’Associazione Differenza Donna Aps e reperibile 24 ore su 24, offre numerosi servizi. Il sindaco: “Non dimentichiamo e costruiamo servizi in difesa della dignità delle donne e di ogni persona”.

Pontecagnano, centro antiviolenza dedicato ad Anna Borsa

Il Piano di Zona S4-2 a Pontecagnano Faiano ha delineato l’istituzione di un Centro Antiviolenza “Anna Borsa”.

I servizi

Secondo Salerno Today, il centro in questione, e reperibile 24 ore su 24, offre numerosi servizi: ascolto telefonico, colloqui su appuntamento, attività di sportello, valutazione del rischio, sostegno ai percorsi di fuoriuscita dalla violenza e consulenza legale attraverso un lavoro in rete con istituzioni, servizi socio-sanitari, forze dell’ordine, tribunale, privato sociale. Tutti i servizi sono gratuiti, assicurando la privacy e l’anonimato.

Le dichiarazioni del Sindaco

“L’intervento si inserisce nella vasta gamma dei servizi programmati ed attuati nell’ambito del Piano Sociale di Zona, al fine di offrire il necessario sostegno delle donne vittime di violenza” dichiara il Coordinatore dell’Ufficio di Piano, Tommaso Maioriello. “Siamo davvero felici – spiega Elisa Ercoli, Presidente dell’Associazione Differenza Donna Aps – di iniziare la gestione del nuovo Centro antiviolenza, un Centro antiviolenza intitolato ad Anna Borsa, una donna uccisa per mano di chi avrebbe dovuto amarla. Nell’animo di tutti noi è incisa la ferita della violenza di cui è stata vittima la nostra concittadina Anna Borsa: non dimentichiamo e costruiamo servizi in difesa della dignità delle donne e di ogni persona”.

L’omicidio di Anna Borsa

Anna aveva paura: il suo ex le aveva già buttato alcol e benzina addosso tempo fa”: agghiaccianti, le dichiarazioni della collega di Anna Borsa, la giovane del ’92 freddata dal suo ex, A.E. le sue iniziali, il 1 marzo, presso il salone di parrucchiere dove lavorava, in via Tevere, a Pontecagnano.

Il corpo senza vita di Anna è stato visto anche da Ettore Borsa, il padre di Anna: “Diceva che mi voleva bene come un padre… Ho visto quanto mi voleva bene, mi ha ammazzato perché mi ha tolto la cosa più importante che avevo, mia figlia Anna” ha spiegato il padre di Anna, riferendosi all’ex fidanzato della figlia come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino. 

Erra si è recato al lavoro, presso una azienda specializzata in lavori di edilizia interna. Poi, con la Fiat Panda della società, ha raggiunto il salone Sica di via Tevere, dove Anna lavorava. Un amico della ragazza lo ha notato, allertando gli agenti di Polizia Municipale: “Sapevo che andava a dare fastidio ad Anna, come sempre negli ultimi mesi”.


sparatoria pontecagnano ragazza uccisa
Anna Borsa

Erra è entrato nel negozio, ha chiesto alla ragazza di uscire. “Vado via, da mia zia, per un po’…” le avrebbe detto e dopo il “Fai bene” di Anna il 40enne avrebbe estratto la pistola e puntandogliela alle tempie e sparando il colpo risultato fatale. Ha sparato altri colpi, ferendo anche Alessandro C, nuovo compagno di Anna che si trovava davanti al negozio.

Il racconto del padre di Anna Borsa

Ha lo sguardo fisso nel vuoto Ettore Borsa, padre di Anna: Io ero andato dai carabinieri, ero andato… Avevo detto che questo dava fastidio a mia figlia, che stava esagerando ma doveva essere Anna a denunciarlo veramente… E lei: papà sì, lo faccio… ho visto come lo ha fatto, ho visto…”-

“Io ti uccido, finisce che ti uccido…” aveva detto pochi giorni prima Erra, e così è stato. Lei aveva anche pensato concretamente di denunciarlo, si era fatta accompagnare in caserma da qualche amica, salvo tornare sui suoi passi. “Non voleva rovinargli la vita” spiega un’amica e collega.

Alfredo Erra, chi è l’uomo che ha ucciso Anna Borsa a Pontecagnano

Alfredo Erra è l’uomo che ha sparato ed ucciso Anna Borsa, la ragazza morta Pontecagnano nella mattinata di martedì 1 marzo. La giovane è stata uccisa nel salone di parrucchiere di via Tevere dove lavorava dal suo ex compagno.

Alfredo ha ucciso l’ex ragazza con una serie di colpi di pistola, uno dei quali ha raggiunto la testa della vittima, uccidendola sul colpo. L’uomo avrebbe ferito anche A.C., soccorso e trasferito in ospedale. Dopo aver commesso l’omicidio l’uomo, ha fatto perdere le sue tracce. Sul posto gli operatori del soccorso ed i carabinieri per le indagini del caso. Dopo qualche ora, Alfredo Erra è stato rintracciato.


omicidio anna borsa pontecagnano fermato fidanzato


Chi è l’assassino di Anna Borsa

“Era tutto vestito di nero: tuta, giubbotto e scarpe – racconta una testimone dell’omicidio, collega della vittima – aveva anche un trolley. Anna aveva paura. E anche io. Quando è entrato nel negozio, gli ho detto di uscire. Ma lui mi ha risposto: “devo dirle solo una cosa””.

Anche Anna, secondo la ricostruzione della donna, gli aveva detto di uscire fuori dal salone perché sarebbe stata disposta a parlargli all’ingresso. E non alla presenza dei clienti. «Era venuto già venuto due o tre volte nelle scorse settimane – prosegue la testimone – Anna viveva nella paura da mesi, da luglio. Lui non aveva mai accettato la separazione, era convinto che Anna fosse solo sua. In passato lo abbiamo più volte allontanato, ma oggi c’erano i clienti in negozio”.

Femminicidio Pontecagnano, racconto choc della collega di Anna

Femminicidio avvenuto a Pontecagnano, il racconto choc della collega di Anna: “Sono andati in ufficio, poi lui ha sparato”. Racconto choc della collega della vittima: “Lui è arrivato tranquillo al negozio, voleva parlare con Anna. Sono andati dentro all’ufficio e poi ho sentito i colpi”. Si chiama Paola, la collega nonché amica di Anna Borsa, 30enne uccisa dall’ex fidanzato all’interno del salone di parrucchiere in via Tevere.

Femminicidio Pontecagnano, arrestato l’omicida di Anna Borsa: ha tentato il suicidio

L’uomo avrebbe rivolto l’arma contro la sua testa, esplodendo un proiettile che lo avrebbe solo ferito, prima di puntare l’arma contro l’attuale compagno della vittima, ora in prognosi riservata presso il Ruggi D’Aragona.

Femminicidio a Pontecagnano: dimesso l’amico di Anna

A colpire il 38enne con due proiettili (uno al braccio e l’altro al petto), che aveva iniziato da poco una relazione con la vittima, è stato l’ex fidanzato della ragazza, A.E, attualmente rinchiuso nel carcere di Fuorni. L’uomo fu dimesso il giovedì sera dall’azienda ospedaliera “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno.

Articoli correlati

Back to top button