Processo “Doppia X”, condanne annullate: la Cassazione spedisce gli atti a Napoli

Si rifà il processo al Tribunale di Napoli

EBOLI. Da rifare il processo “Doppia X”: la Cassazione, infatti, ha annullato le sentenze emesse dai giudici della Corte di Appello di Salerno, spedendo tutti gli atti al Tribunale di Napoli affinché si pronunci nel secondo grado di giudizio.

Cancellata, dunque, la condanna a 10 anni di reclusione per l’ebolitano Massimo Esposito, detto “capachiena”, considerato dagli inquirenti il leader di un gruppo criminale che gestiva lo spaccio di droga nella Piana del Sele.

Cassate, dunque, anche le condanne inflitte a Luigi Marotta (7 anni), Marco Di Palma (6 anni e 10 mesi), Gaetano Greco Iorio (5 anni e 2 mesi); Arturo Marra, Antonio D’Amore e Giuseppe Protopapa (4 anni e 8 mesi).

I magistrati della Cassazione si sono riservati 60 giorni di tempo per depositare le motivazioni della sentenza, e subito dopo sarà fissata la data del nuovo processo a Napoli.

L’unica sentenza confermata è quella per Massimo Albano (4 anni e 8 mesi), il collaboratore di giustizia che fece scattare il blitz della Dda di Salerno e della Guardia di Finanza di Eboli.

Fonte: StileTv.it

TAG