Processo Loggia P3: condannato il sindaco di Pontecagnano Faiano

allarme furti, controlli

Continua il processo sulla Loggia P3 e, nel suo ambito, è stato condannato anche il sindaco di Pontecagnano Faiano, Ernesto Sica

PONTECAGNANO FAIANO. Continua il processo sulla Loggia P3 e, nel suo ambito, è stato condannato anche il sindaco di Pontecagnano Faiano, Ernesto Sica, ad una pena di 10 mesi di reclusione.

Processo Loggia P3: i dettagli

Nell’ambito del processo sulla Loggia P3, secondo quanto riporta Salernonotizie, diretto dalla IX sezione penale del tribunale di Roma, è stata emessa nei confronti dell’ex parlamentare ed ex coordinatore di Forza Italia in Campania, Nicola Cosentino, una condanna di dieci mesi di reclusione.

Cosentino, che da pochi mesi aveva pagato il conto con la giustizia, è stato condannato per diffamazione e violenza privata.

La Loggia P3

La “Loggia”, secondo i Giudici, era un’associazione segreta costituita in violazione della Legge Anselmi.

Al gruppo veniva attribuita “la realizzazione di una serie indeterminata di delitti di corruzione, abuso d’ufficio, illecito finanziario dei partiti, diffamazione e violenze private.

La condanna nei confronti dell’ex politico riguarda il filone dell’inchiesta sulla diffamazione ai danni dell’ex Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, parte civile nel processo.

Oltre a Cosentino e Sica sono state condannate anche altre personalità come il faccendiere Flavio Carboni, al quale i giudici hanno rifilato una pena di 6 anni e 6 mesi e l’ex Senatore di Forza Italia, Denis Verdini.

Le dichiarazioni del sindaco

Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG