CronacaEventi e cultura

Il progetto Terna arriva ad Eboli e Battipaglia: ecco di cosa si tratta

Il progetto Terna ad Eboli e Battipaglia: cos'è e il calendario delle consultazioni per le due città della Piana del Sele

Il progetto Terna arriva anche in provincia di Salerno con due incontri a Battipaglia ed Eboli.  Si tratta di un progetto strategico che rientra nel Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima, reso vincolante dalla Unione Europea e che si inserisce nel quadro degli obiettivi degli accordi di Parigi del 2015, finalizzato all’abbattimento della produzione di energia attraverso combustibile fossile e alla sua successiva eliminazione entro il 2025, per cui convoglia energia da fonti alternative di cui la Campania è grande produttrice verso la Sardegna dove molto presente e’ l’utilizzo del carbone.

Il progetto Terna ad Eboli e Battipaglia: di cosa si tratta

Terna ha un via libera dal Ministero dello Sviluppo e dell’Economia e dal Ministero dell’Ambiente. Sulla base di questo si avvia sul territorio la campagna di ascolto. All’esito di questa campagna di ascolto nascerà un progetto che verrà sottoposto ai due ministeri i quali daranno a loro volta, il via libera alla conferenza di servizio alla quale, e solo allora, parteciperanno i Comuni insieme alle Sovraintendenze (per gli eventuali vincoli paesaggistici, idreogeologici ed architettonici) e al Ministero della Salute, preposto a valutare i campi magnetici.

Ad esito positivo di questa conferenza ci sta l’intesa con le Regioni e solo alla fine i due Ministeri (Ambiente e MISE) daranno l’autorizzazione alla costruzione e alla gestione. Il Comune deve assicurarsi:

  • che la verifica dei campi magnetici da parte del ministero della Salute sia particolarmente rigida e attenta;
  • che l’elettrodotto cammini interrato senza alcun impatto paesaggistico;
  • che cammini lungo le strade provinciali e i confini delle proprietà agricole per evitare di spezzare i terreni;
  • che non ci sia consumo del suolo agricolo;
  • che ci sia in qualche modo un ritorno per i territori ospitanti.

L’appello della sindaca Francese

La sindaca di Battipaglia Cecilia Francese ha sottolineato: “Noi non firmiamo cambiali in bianco a nessuno sul nostro territorio! Per cui invitiamo tutti i cittadini a collegarsi per “l’ascolto” il 3 ed il 4 febbraio. Anche io mi collegherò! Chiederemo ai dirigenti di Terna ad un incontro presso il comune di Battipaglia con la commissione ambiente del Consiglio Comunale e l’Amministrazione Comunale e esperti del settore.

Chiameremo il Consiglio Comunale a discutere della questione, alla luce di tutte le informazioni e le spiegazioni che riusciremo ad acquisire, ed a decidere l’atteggiamento che il Comune di Battipaglia dovrà tenere su questa progettualità anche nella conferenza di servizio dove, finalmente, i Comuni verranno chiamati a dire la loro posizione”.

Il calendario

Le consultazioni online partiranno il 2, 3 e 4 febbraio, rispettivamente con i cittadini di Termini Imerese, Battipaglia ed Eboli.

Articoli correlati

Back to top button