Battipaglia, caso di nonnismo tra prostitute: una donna a processo

prostituzione-salerno-litorale

Prostituzione a Battipaglia, caso in tribunale per estorsione. Una 40enne rumena denunciata, chiedeva il pizzo ad una "collega"

La prostituzione Battipaglia finisce in tribunale. Una 40enne rumena è finita a processo per aver costretto una “collega” più giovane a pagarle il pizzo per potersi prostituire sul litorale battipagliese.

Prostituzione Battipaglia, caso in tribunale

La 40enne – come riporta Il Mattino – aveva minacciato la giovane, di 24 anni, di farle togliere le foglie mostrando ai servizi sociali le sue foto mentre si prostituiva. La donna si faceva dare 250 euro alla settimana, una cifra che la connazionale ha pagato per 6 mesi.

La denuncia

Ad un certo punto la 24enne si è ribellata e a quel punto le minacce sono diventate ancora più pesanti. La 40enne infatti ha coinvolto anche degli sfruttatori albanesi che avrebbero potuto “farle del male”. La giovane ha deciso di denunciare e la prossima settimana si aprirà l’istruttoria dibattimentale davanti al dottore Giocoli della terza sezione penale di Salerno.

TAG