Cronaca

Ragazzo accoltellato in un bar di Pontecagnano, la titolare si sfoga: “Divano pieno di sangue, getto la spugna”

Ragazzo accoltellato a Pontecagnano, la titolare del bar chiude il locale: "Mi avete rovinato la vita, non ne posso più"

Arriva lo sfogo della titolare del bar di Pontecagnano Faiano dove un ragazzo è stato accoltellato al culmine di una lite. Il 20enne è stato trasferito d’urgenza all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno da cui è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni.

Ragazzo accoltellato a Pontecagnano, parla la titolare del bar

La titolare del locale si è lasciata andare ad uno sfogo sui social: “Un mio amico è stato accoltellato davanti al mio locale. Mi avete rovinato la vita, non ne posso più. Getto la spugna. Non ho mai fatto del male a nessuno e non meritavo tutto questo. Il locale chiuderà per colpa di due persone vergognose che andavano fermate per tempo. Getto la spugna. Oltre che cliente, un mio amico è stato accoltellato davanti al mio locale. Un locale in cui si beve, si gioca e ci si diverte. Non ho neanche il coraggio di rientrarci. Il mio divano è pieno di sangue. Il divano sul quale ho riso, giocato, il divano sul quale fino a 5 minuti prima erano seduti clienti a bere il loro cocktail. Pontecagnano è marcia. Mi dispiace per chi teneva al mio locale, ma non ne posso più“.

L’aggressione

Un ragazzo è stato accoltellato, dopo una rissa, nella serata di mercoledì 8 giugno in via Sicilia a Pontecagnano: ancora non si conoscono le motivazioni dell’accaduto. Sul posto sono giunti i carabinieri e la polizia locale, che stanno indagando sull’accaduto.

La vittima è stata subito soccorsa e trasportata con un’ambulanza in ospedale dove gli è stata medicata la ferita riportata e non sarebbe in gravi condizioni di salute. Secondo quanto trapelato finora, davanti al circolo c’è stata una rissa a cui avrebbero partecipato più persone e poi è spuntato il coltello ed un giovane è stato ferito. Indagini in corso da parte die carabinieri per risalire all’identità dell’aggressione

Articoli correlati

Back to top button