Regionali, Grillo attacca De Luca: “Ritirati. Nel Pd più indagati che candidati”

Grillo attacca De Luca e lancia l'hastagh #DeLucaRitirati

SALERNO. Beppe Grillo, leader del Movimento 5 Stelle, torna ad attaccare il Pd e in particolare l’ex sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, candidato alle Regionali del 31 maggio.

“La Paita indagata per l’alluvione di Genova in Liguria, De Luca condannato in primo grado per abuso d’ufficio e ineleggibile ai sensi della legge Severino in Campania. Le due regioni insieme contano circa 8 milioni di cittadini, tra tutti questi il Pd non riesce a proporne due che siano sconosciuti alle procure. Largo ai cittadini onesti! Ritiratevi!”, ha dichiarato Grillo, all’indomani della pubblicazione delle motivazioni della sentenza, dopo la condanna ad un anno per abuso d’ufficio.

“Condanna demenziale? No, non è come afferma il condannato e candidato De Luca che parla di un mero reato linguistico. Del resto il suo vizietto di raccontare una realtà che non esiste De Luca lo applica pure a Salerno, città che ha governato per un ventennio come sindaco, lasciandola con i conti disastrati, senza contare le tante opere incompiute, il trasporto pubblico al collasso e la cementificazione devastante, come l’obrobrio del Crescent a deturpare uno dei più bei lungomare al mondo, dove addirittura, in un delirio di onnipotenza, voleva far realizzare il suo mausoleo. Le motivazioni della sentenza sono contenute in oltre 140 pagine e parlano di ben altro che di un reato linguistico. In pratica il sindaco sceriffo che pretende che gli altri rispettino la legge mentre lui se ne fa beffa, si è inventato la figura del project manager in un appalto pubblico per la realizzazione di un impianto di termodistruzione a Salerno, nominando il suo capo staff, per fargli intascare soldi pubblici come lauto compenso. E no De Luca: la Legge la devi rispettare anche tu. Anzi soprattutto tu che ambisci ad essere un rappresentante dei cittadini. Non è demenziale la condanna, lo è invece il pensare di farla franca! O credi davvero di poter governare una Regione da condannato, con le tue regole e i tuoi amici da favorire?”, ha dichiarato ancora il leader dei grillini.

E a De Luca consiglia: “Fai una cosa per il bene della Campania: De Luca ritirati finché sei in tempo, prima che la legge Severino ti faccia decadere il secondo dopo la tua malaugurata elezione a presidente, lasciando la Regione senza guida. Fallo per rispetto delle istituzioni e della dignità che si meritano i campani. La nostra terra ha bisogno di certezze e più ancora di onestà, la nostra gente si merita di più di chi ci ha ridotti così. Non abbiamo bisogno di condannati come te nelle istituzioni, e neppure di indagati. Non ci serve l’arroganza di chi siede sulle stesse poltrone da 30 anni e si ritiene al di sopra della legge, nè il delirio di onnipotenza di chi come te si reputa indispensabile”.
Intanto, attraverso il suo blog, il leader del M5S invita gli attivisti a mobilitarsi su Twitter: “Pensi che De Luca debba ritirarsi immediatamente dalla corsa per la presidenza alla Campania per rispetto delle istituzioni e dei cittadini? Scrivi a De Luca un messaggio su twitter con #DeLucaRitirati! L’onestà tornerà di moda!”.

TAG