Eventi e cultura

Il regista Neri Parenti ospite all’Università di Salerno

Dalla saga fantozziana ai cinepanettoni della coppia Boldi-De Sica. Una carriera variegata quella del regista Neri Parenti che quest’anno festeggia quarant’anni di carriera. Il suo primo film, difatti, uscì nel 1979 ed aveva per titolo “john travolto…da un insolito destino”, parodia della celeberrima saga de “La febbre del sabato sera”.

Neri Parenti all’Università di Salerno

Il film proiettò il giovane aiuto regista fiorentino, terzo figlio dello statista Giuseppe Parenti, già Magnifico Rettore dell’Università degli studi di Firenze, all’esperienza della regia che lo avrebbe reso, assieme ai fratelli Vanzina, il re della commedia all’italiana,l’erede di quella illustre tradizione comica resa celebre ed immortale da maestri quali Steno (di cui Parenti è stato assistente e padre degli stessi Carlo ed Enrico Vanzina), Mario Monicelli, Ettore Scola, Dino Risi e molti altri.

La carriera

Una carriera, quella di Neri Parenti, legata sopratutto a Paolo Villaggio ed alla maschera tragica di Fantozzi di cui Parenti, ereditando, a suo stesso dire “la pappa fatta” dei primi due mitici e storici film diretti da Luciano Salce, firmò ben sette capitoli della saga, da “Fantozzi contro tutti” del 1980 (in co-regia con lo stesso Villaggio) a “Fantozzi-il ritorno” del 1996.



Per omaggiare questo importante traguardo, l’Università degli studi di Salerno, in particolare il Dipartimento di Scienze politiche e della Comunicazione ed il corso di sociologia di Analisi degli audiovisivi tenuto dal prof.Luigi Frezza, ha invitato il regista a tenere una sua testimonianza sulla sua lunga carriera.

L’incontro

L’incontro con Neri Parenti si terrà il 9 aprile 2019 alla ore 9 presso l’Aula 6-7 del corso di Laurea di Scienze della comunicazione in occasione del corso di Analisi degli audiovisivi tenuto dal prof. Luigi Frezza, Professore Ordinario presso lo stesso Ateneo. Ad organizzare il tutto è stato il giornalista Stefano Pignataro, già Presidente del Consiglio degli studenti del Dipartimento di studi umanistici e membro delle Associazioni studentesche “Futura A.u.d” ed “Alf”, organizzatori e patrocinanti dell’evento. L’evento è inoltre sponsorizzato dalla Casa editrice “Palabanda” .



Oltre Neri Parenti all’inziativa sarà presente lo sceneggiatore Francesco Schietroma il quale, assieme a Daniele Liburdi, Massimo Mescia e con la regia di Mario Sesti,ha firmato la sceneggiatura del documentario “La voce di Fantozzi”, un film- documento che racconta ed analizza il personaggio di Fantozzi attraverso le testimonianze, tra gli altri, di Lino Banfi, Renzo Arbore, Maurizio Costanzo, Roberto Benigni, Anna Foglietta, Dario Fo, Marco Travaglio, MIlena Vukotic , lo stesso Neri Parenti e tanti altri.

Il programma completo del convegno sarà ufficializzato nei prossimi giorni.

Il personaggio: Neri Parenti

Dopo la laurea in Scienze politiche, si dedica al cinemadove diventa allievo e aiutante di Pasquale Festa Campanile in tutti i suoi film diretti dal 1972 al 1979, ma anche per Enzo G. Castellari, Salvatore Samperi, Steno e Giorgio Capitani. Nel 1979 tenta la sua prima prova da regista con la parodia cinematografica John Travolto… da un insolito destino, imitazione ironica e ridicolizzazione de La febbre del sabato seraportata sugli schermi due anni prima con grande successo da John Travolta, che, però, non si rivelerà un successo al botteghino.

Un anno dopo conosce Paolo Villaggio che in quel momento era impegnato nelle riprese di Fantozzi contro tutti. Il comico genovese, dimostrando grande stima nei confronti di Parenti e, allo stesso tempo, consigliato anche dai produttori, decise di lasciargli la regia della pellicola; il risultato fu molto positivo, tanto che Parenti dirigerà altri sei film della saga, da Fantozzi subisce ancora a Fantozzi – Il ritorno.

Amante della gag catastrofica e rumorosa, che si rifà al cinema muto americano, mescolata a situazioni tipiche della commedia all’italiana e a qualche tentazione autoriale, la ripropone invariata in quasi tutti i suoi film, dal dittico Scuola di ladri e Scuola di ladri – Parte seconda alla famosissima trilogia de Le comicheLe comiche 2 e Le nuove comiche, le quali secondo lo stesso regista gli avrebbero anche portato due scomuniche per aver fatto delle sequenze considerate oltraggiose da parte della Chiesa cattolica.[2] Il portavoce della Santa Sede, Federico Lombardi, e il cardinale Velasio De Paolis, che dal 2003 al 2008 è stato segretario della Segnatura Apostolica, hanno entrambi prontamente smentito la notizia.[3]

Dopo la scadenza del contratto firmato con Paolo Villaggio nel 1996, Neri Parenti si adatta a dirigere film natalizi tutti interpretati da Christian De Sica e Massimo Boldi ovvero i cine-panettoni.

Neri Parenti si era già cimentato in questo genere di film quando lavorava ancora con Villaggio; il suo primo cinepanettone come regista fu Vacanze di Natale ’95 (1995). Di conseguenza iniziò a dirigere film ambientati in periodo natalizio dal 2001 partendo da Merry Christmas. Tra gli altri film sotto la sua direzione si annoverano: Paparazzi (1998), Tifosi(1999), Body Guards – Guardie del corpo (2000), Colpi di fulmine (2012) e Colpi di fortuna (2013).

Dopo averlo lasciato nel 2005 con Natale a Miami, nel 2014 torna a lavorare con Massimo Boldi e stavolta senza Christian De Sica per il film di Natale Ma tu di che segno 6?, ritrovando anche i fratelli Carlo ed Enrico Vanzina alla sceneggiatura dopo l’esperienza di Fratelli d’Italia del (1989), Vacanze di Natale ’95 (1995) di cui i Vanzina curarono solo il soggetto, Cucciolo del (1998) scritto soltanto da Enrico Vanzina con Parenti, Tifosi del (1999) e Vacanze di Natale a Cortina del (2011). L’anno seguente torna invece a lavorare con De Sica in Vacanze ai Caraibi – Il film di Natale. Nel 2017 torna al cinema col film Natale da chef con Massimo Boldi.

Fonte (Da Wikipedia)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button