Cronaca

Deteneva reperti archeologici illegalmente: nei guai presidente di un ente no profit del Cilento

Reperti archeologici detenuti illegalmente in Cilento dal presidente di un ente no profit, scatta il sequestro

Scatta il sequestro per numerosi reperti archeologici in Cilento, detenuti illegalmente dal presidente di un ente no profit. In campo i Finanzieri del Comando Provinciale di Salerno con le Fiamme Gialle della Tenenza di Vallo della Lucania, impegnate ad Agropoli in un’attività delegata dalla Procura della Repubblica, hanno rinvenuto i preziosi oggetti presso la sede dell’associazione, sottoposta ad un controllo di diversa natura.


reperti-archeologici-cilento-sequestro


Reperti archeologici in Cilento, scatta il sequestro

I militari, intuito che potesse trattarsi di manufatti di interesse storico e rilevata la totale assenza della documentazione utile ad attestarne la provenienza, li hanno quindi immediatamente cautelati e messi a disposizione di questa Autorità Giudiziaria.


reperti-archeologici-cilento-sequestro


La successiva perizia, eseguita a cura di personale della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggi di Salerno e Avellino, ha infine confermato l’autenticità degli oggetti, in totale 34, tutti realizzati nella Magna Grecia ed inquadrabili cronologicamente tra il IV e III Secolo a.C.


reperti-archeologici-cilento-sequestro


I reperti sequestrati

Tra di essi, quelli di maggior pregio alcune monete, il volto della statuetta di una divinità greca e tre piccole anfore, nonché dei vasi miniaturistici ed unguentari che, nel loro insieme, inducono a ritenerme l’antica collocazione in un luogo di culto.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button