Cronaca

Coronavirus, il servizio di Report sulla Campania: donna morta, a Eboli con diagnosi errata

La trasmissione Report fa luce sulla vicenda di una donna morta dopo essere stata trasferita all’ospedale di Eboli con una presunta diagnosi errata. La redazione del programma di Rai 3 ha raccontato la vicenda di una donna originaria di Pompei e ospite del Campolongo Hospital. La donna è morta di Covid-19 dopo essere stata trasferita all’ospedale di Eboli con una presunta diagnosi errata. Un audio di un medico di Eboli smentisce la difesa del direttore del Campolongo.

Report e il servizio sulla donna morta all’ospedale di Eboli

Nel servizio viene intervistato Rolando Scotillo, segretario territoriale Fisi. Scotillo parla di “polmonite nosocomiale” come diagnosi di uscita: “È un falso perché la tac ha subito evidenziato la presenza di una polmonite interstiziale, segno tangibile di una infezione da Covid-19″. Spazio poi ad un audio di Gianfranco Camisa, direttore della struttura, che smentisce la possibilità di una diagnosi errata: “Questo è un discorso falso. È un vecchio giochetto, guardo anche io Report, aveva una crisi respiratoria, questa è tutta”

L’audio di smentita

A smentire la versione del direttore del Campolongo Hospital, l’audio di un medico dell’ospedale di Eboli: “Abbiamo il primo paziente nell’ospedale di Eboli, è ufficiale. Si tratta di una donna arrivata ieri in ambulanza dal Campolongo Hospital, ce l’hanno portata per una polmonite nosocomiale ma la figlia ha detto che il fratello fa su e giù da Milano e aveva la febbre, tampone positivo”.


Qui il servizio


 

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto