Cronaca

Riciclaggio di denaro, l’Antimafia mette nel mirino i negozi cinesi nel salernitano

SALERNO. Riciclaggio di denaro, l’Antimafia mette nel mirino i negozi cinesi nel salernitano. Negozi che aprono e, dopo pochi mesi, chiudono. Attività che durano appena una stagione. A Salerno questo fenomeno è in preoccupante crescita e riguarda soprattutto attività gestite da cinesi.

Le segnalazioni sospette

Basti pensare che nel salernitano dal 1 gennaio 2017 a tutto maggio 2018 le partite Iva aperte e chiuse (almeno quelle che ufficialmente risultano chiuse) sono 1.200, di queste 100 soltanto nel capoluogo. Salerno è terza in Campania per segnalazioni sospette.

I dati sono quelli del 2017 e sono contenuti nella relazione della Dia. Qui sono 1.343 casi che la catapultano a ruota dopo Napoli (6.247) e Caserta (1.568).

I negozi cinesi

I negozi gestiti da cinesi spuntano come funghi: affittano, comprano e gestiscono le attività con denaro cash. E proprio su questa tipologia di affari che ora lavorano gli uomini dell’Antimafia sparpagliati in tutta Italia.

Le recenti indagini, svolte soprattutto a Milano e a Roma, hanno aperto uno spiraglio su quella che è la nuova frontiera del riciclaggio: soldi italiani “illegali” che vengono “espatriati” in Oriente e poi tornano cash in Italia per essere reinvestiti in attività gestite da cinesi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button