Duemila tonnellate di rifiuti a Polla, Accetta e Giuliano rispondono a Strianese

Rocco-Giuliano-Polla

Accetta e Giuliano replicano ella dichiarazioni del Presidente della Provincia, Michele Strianese. Si ritengono infatti allibiti dalle sue dichiarazioni

Non si è fatta aspettare la replica del sindaco di Polla, Rocco Giuliano e del presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta al Presidente della Provincia, Michele Strianese, in merito alle vicende dell’arrivo nella zona industriale di 2mila tonnellate di rifiuti.

Oltre 2mila tonnellate di rifiuti a Polla, Accetta e Giuliano rispondono a Strianese

Stando a quanto riportano le indiscrezioni, il presidente della Provincia ha sostenuto che: «I termini principali della questione sono stati ampiamente illustrati al sindaco di Polla ed al Presidente della Comunità Montana Vallo di Diano Raffaele Accetta, i quali sono intervenuti anche in qualità di rappresentanti del più vasto comprensorio in oggetto ad una riunione appositamente convocata dal sottoscritto anche su richiesta di consiglieri provinciali di zona».

Rifiuti a Polla, la risposta di Rocco Gliuliano

Tuttavia, Rocco Giuliano non ci sta e incalza: «Quanto affermato dal Presidente Strianese non corrisponde a verità e io chiedo con forza che venga convocato un Consiglio provinciale nel corso del quale siano presenti tutti coloro che hanno assistito a quell’incontro per far venire fuori in quel contesto la verità dei fatti».

Durante il primo incontro con la Provincia, Giuliano spiega che il Presidnete Accetta fu assicurato in merito allo spostamento dei rifiuti di Battipaglia e che questi sarebbero arrivati a Polla solo come extrema ratio nel caso una gara già indetta dalla Provincia per effettuare questa operazione verso l’estero fosse andata deserta.

«La scorrettezza – continua il primo cittadino pollese – è che il secondo incontro al quale aspettavamo di essere convocati non si è mai tenuto, ma al contrario ci è arrivata l’ordinanza».

Rifiuti a Polla, tuona il presidente Accetta

Amareggiato anche il Presidente Accetta, che parla di «un atteggiamento che mette in discussione il rapporto istituzionale tra gli Enti».

«Siamo allibiti da quanto dichiarato dal Presidente della Provincia perchè non risponde al vero – dichiara Accetta – Quando ci siamo incontrati a Salerno abbiamo espresso la nostra contrarietà, perchè il territorio negli anni ha già contribuito ampiamente a risolvere la problematica legata allo smaltimento dei rifiuti e non capiamo perchè ci venga chiesto questo ulteriore sacrificio. Il nostro è un No responsabile. Oltretutto nel corso dell’incontro è stato detto che quello di Polla è l’unico sito idoneo, ma in realtà sappiamo bene che quel capannone era stato già occupato per due anni da rifiuti e poi il Prefetto ha emesso un’ordinanza per rimuoverli perchè non era più idoneo ad ospitarli».

TAG