Cronaca

Rissa tra Praiano e Furore: turisti si rifiutano di pagare il parcheggio, quattro persone ferite

Rissa tra Praiano e Furore: la violenta colluttazione è scoppiata perché tre turisti si sarebbero rifiutati di pagare il parcheggio. Ci sono 4 feriti.

Non vogliono pagare il parcheggio: 4 persone in ospedale

Violenta rissa avvenuta ieri sera nel parcheggio della spiaggia de “La Praia”, situata tra le zone di Praiano e Furore: a quanto pare, tre turisti provenienti dal napoletano, una volta tornati a recuperare i loro scooter nell’area parcheggio, si sarebbero rifiutati di pagare quanto dovuti ai gestori.

Intorno alle ore 20, nessuno avrebbe immaginato cosa sarebbe successo: i napoletani si sarebbero rifiuti di pagare il conto e da lì sarebbe poi scoppiata la rissa.

La rissa

Botte da orbi in piena regola che alla fine ha visto il coinvolgimento di 7 persone, 4 delle quali rimaste ferite e finite all’ospedale della Costa d’Amalfi: sono tutti residenti della Costiera Amalfitana. A uno di loro è stata riscontrata la frattura del naso.

Intanto, i tre facinorosi hanno recuperato i propri scooter, i quali risulterebbero noleggiati. Sul fatto indagano i Carabinieri della Compagnia di Amalfi coordinati dal capitano Roberto Martina. Sono in corso le fasi di identificazione anche grazie alle immagini rese dalle telecamere di videosorveglianza della zona. L’episodio non è ancora stato denunciato dai feriti.

Leggi anche:

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto