Cronaca

Interviene per difendere l’amico e viene colpito con un tirapugni, ora ha difficoltà a respirare: arrestato minorenne a Salerno

Rissa a Salerno, ragazzo arrestato dai carabinieri. Lo scorso 31 ottobre ha picchiato un coetaneo con un tirapugni

Un altro ragazzo arrestato Salerno per rissa. Nella mattinata odierna, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, la Sezione Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri di Salerno, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare a carico di un minorenne, gravemente indiziato di lesioni gravi ai danni di un coetaneo.

Rissa a Salerno, arrestato un ragazzo

I fatti si sono verificati la sera del 31 ottobre a Salerno nei luoghi della movida cittadina. In particolare dalle indagini emergeva, a livello di gravità indiziaria, che nella notte del 31 la vittima, essendosi accorta che era sorta una discussione per futili motivi tra un suo amico ed un giovane sconosciuto, interveniva per sedare gli animi. Malgrado le sue pacifiche intenzioni lo sconosciuto, poi identificato nell’odierno arrestato, lo colpiva repentinamente più volte al volto cagionandogli la frattura del naso e ferite lacero – contuse al viso e al corpo utilizzando un tirapugni.

A seguito dei colpi ricevuti la vittima riportava, come accertato con consulenza tecnica del Pubblico Ministero lesioni gravi con indebolimento della funzione respiratoria. Le tempestive indagini dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Salerno, svolte con grande professionalità e solerzia consentivano di acquisire gravi indizi di colpevolezza nei confronti del minore raggiunto da ordinanza cautelare e di ricostruire la dinamica dei fatti attraverso una serie di convergenti testimonianze, anche in ordine al comportamento tenuto dal minore dopo i fatti.

Dilaga la violenza tra i giovani a Salerno

Si tratta dell’ennesimo episodio di gratuita ed insensata violenza giovanile avvenuto in questo centro cittadino, episodio che dimostra, ancora una volta, la sempre più crescente pervasività della cultura della sopraffazione che tristemente caratterizza gli ambienti giovanili di questa provincia.

Non può non essere sottolineato, a conferma di quanto sopra detto, come stia divenendo sempre più diffusa tra i giovani l’abitudine di portare con sé strumenti atti ad offendere: detenere un tirapugni ed un coltello, è come avere con sé le chiavi di casa o il cellulare. E questo soprattutto nelle uscite serali vissute in modo sempre in modo più preoccupante non come occasione di svago e socializzazione, ma situazioni nella quale cercare motivi futili e pretestuosi per dare sfogo alla violenza.

Ormai, infatti essere violento, aggredire gli altri con un qualsiasi pretesto, minacciare i propri coetanei così da portarli ad uno stato di umiliante soggezione e prostrazione, sembra essere un crescente, costante, modo di relazionarsi di alcuni ragazzi, quasi una “moda” tra giovani probabilmente affascinati da modelli devianti. Senza considerare il fatto che le vittime ricevono da tali imprevedibili ed ingiustificate violenze traumi indelebili nella loro crescita, traumi che inevitabilmente coinvolgono anche il loro mondo di affetti: non solo gli amici del gruppo dei pari spesso presenti agli atti di violenza e frustrati nella loro incapacità di reagire, ma anche i genitori e i parenti preoccupati da eventuali ulteriori azioni o ritorsioni nei confronti dei loro cari.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button