Cronaca

Salerno, le modalità per il ritiro dei rifiuti ingombranti

Rifiuti ingombranti Salerno, il ritiro è gratuito. Mobili vecchi, reti metalliche, materassi, ma anche televisori e computer. Salerno Pulita ricorda che è possibile disfarsene in maniera corretta e rispettosa dell’ambiente e del decoro urbano portandoli nelle isole ecologiche “Fratte” e “Arechi”, che in questo periodo dell’anno sono aperte, dal lunedì al sabato, dalle ore 8 alle 19.

Ritiro dei rifiuti ingombranti a Salerno, le alternative

È possibile utilizzare il servizio di raccolta specifico per il ritiro gratuito dei cosiddetti “ingombranti” e “durevoli” chiamando al numero verde 800 563387. Si potrà così concordare la data del ritiro gratuito e l’unica cosa che bisognerà fare sarà attenersi alle disposizioni sul deposito nel giorno stabilito davanti al portone di casa. Sarà cura poi degli operatori di Salerno Pulita passare a ritirarli.

Sebbene i tempi di attesa siano stati ridotti di molto (da inizio settembre una settimana al massimo), è consigliabile chiamare il numero verde con un po’ di anticipo rispetto a quando effettivamente si porrà l’esigenza di disfarsi degli ingombranti, per evitare di tenerseli in casa per qualche giorno ed essere tentati così di disfarsene in modo improprio.

L’ordinanza sindacale

Si ricorda che, così come stabilito dall’ordinanza sindacale, con il ritiro gratuito presso il proprio indirizzo è possibile disfarsi di tre ingombranti per volta.  Tale servizio è stato trasferito a Salerno Pulita dal 15 luglio del 2018 e da allora, fino al 30 giugno del 2019, sono stati effettuati 9.381 ritiri, di cui 4.413 nel secondo semestre del 2018 e 4.968 nel primo semestre dell’anno in corso

E’ bene ricordare che per quanto riguarda gli elettrodomestici (frigoriferi, lavatrici, forni, caldaie) lo smaltimento dovrebbe essere a cura dei commercianti perché, per legge, devono farsi carico del ritiro presso il cliente a cui hanno venduto il nuovo apparecchio, in quanto il costo di tale operazione è già contenuto nel prezzo di vendita del prodotto. Al momento dell’acquisto, dunque, bisogna pretenderlo dal rivenditore. Non farlo significa far gravare sulla collettività, e dunque sulla tassa per i rifiuti, i costi del ritiro e dello smaltimento.

Nel 2018 nel territorio del Comune di Salerno, tra conferimenti nelle isole ecologiche, ritiri domiciliari e recuperi per abbandoni impropri, sono state raccolte 3.638 tonnellate di ingombranti e 134 di tv e pc.

Articoli correlati

Back to top button