Salerno, la storia di Rocco: “Cacciato di casa da mia moglie, cerco dignità”

senzatetto

Rocco, il clochard di Salerno: "Per il 2020 chiedo solo una casa. Cacciato da mia moglie nel 2008, non voglio essere un peso per i parenti"

Rocco è uno dei tanti clochard di Salerno. Nato nel 1959 ad Acerno, vive in strada da quasi dodici anni, da quando, l’1 agosto del 20078, la moglie decise di cacciarlo da casa.

Rocco, il clochard di Salerno in cerca di una casa

Nell’articolo a firma di Barbara Cangiano sulle colonne de Il Mattino, viene raccontata la storia di Rocco Palmieri il quale ha ricordato quel giorno del 2008: “Mia moglie mi aveva cacciato, ero tornato da mia madre ma era evidente che per lei fossi un peso. Il mio San Silvestro? Mi sono svegliato alle sei, come sempre. Ho preso il caffè con gli addetti della ditta di pulizie della stazione di Battipaglia dove da un paio di mesi ho trovato finalmente un giaciglio tranquillo”.

La situazione di Rocco

Rocco ha fratelli, sorelle e tre figli, ma non vuole essere un peso per loro: “Il mio motto è quello che mi insegnò papà: fai del bene e scordatelo. Ora vorrei solo trovare un rifugio mio. Ho fatto tanti sacrifici, a quindici anni sono andato a Monaco per aiutare mio padre che lavorava con una ditta di giardinaggio. Tutti i soldi che guadagnavo li mandavo in Italia.

Poi ho conosciuto mia moglie, mi sono trasferito a Stoccarda. Lì sono iniziati i primi conflitti con la sua famiglia. Ci siamo trasferiti in Italia e abbiamo avuto tre figli. Le cose non sono andate bene. Fa niente. Ho lavorato tanto come autista di mezzi pesanti fino a quando la salute me lo ha consentito. Ho perso dei legami, ne ho trovati altri”.

La richiesta

Il sogno di Rocco per il 2020 è uno solo: “Poter trovare una casa mia. Ho avuto varie operazioni allo stomaco, poi alle vie biliari e una neoplasia alle ghiandole ascellari. Non sono più forte come prima. Sono entrato e uscito da vari dormitori. Non bevo, non voglio problemi, schivo le risse. Quando mi hanno dato credito ho sempre pagato, sempre. Il primo di ogni mese, anche se era domenica. Mi basta una stanzetta con un bagno e un angolo cottura”.

FOTO DI REPERTORIO

TAG