Cronaca

Rubata l’identità a 20 docenti salernitani

Insegnanti di Salerno e provincia partecipano a un congresso formativo al Nord Italia e si ritrovano intestatari di partita Iva e a dover pagare contratti telefonici e utenze varie. Potrebbe essere una derivazione del gruppo che agiva nella zona orientale di Salerno ad aver truffato compagnie telefoniche e società che erogano luce, gas e altri servizi, coinvolgendo i docenti a loro insaputa. A farne le spese stavolta sono stati anche ignari professori ma non sarebbero gli unici. Alcuni residenti al Nord si sarebbero trovati intestatari di società a Salerno, anche se non c’erano mai stati.

Il corso di una società e i dati personali

Gli insegnanti avrebbero partecipato al corso organizzato da una società salernitana e avrebbero fornito alla ditta i loro dati personali. Non si sa a quale punto della rete di comunicazione con l’organizzazione del corso quei dati sarebbero stati rubati e trasferiti a malfattori che hanno sottoscritto contratti con diverse società poi non onorati.

Una truffa che sembra figlia di quella scoperta mesi fa e che si presume nata proprio nella zona orientale di Salerno e che poi si sarebbe estesa in altre province, attraverso la registrazione alle Camere di commercio in particolare di Napoli.

L’indagine della Procura

Probabilmente, la mente è rimasta a Salerno ma, visto l’indagine della Procura salernitana su questi casi emersi a novembre scorso, avrebbero deciso di cambiare aria e aprire le false partite Iva con posizioni ubicate nel Napoletano. Duplice i filoni dell’attività criminale, quello basato su nullafacenti che per pochi soldi accettano di intestarsi aziende fittizie e un altro focalizzato sul furto d’identità. E i numeri sono notevoli. Centinaia sono le persone, buona parte residente tra Pastena, Santa Margherita, Quartiere Italia, Quartiere Europa e Mercatello quelle che si sono detti falsamente piccoli imprenditori con ditte individuali, ma crescono anche gli ignari titolari di piccole imprese. Al primo gruppo si iscrivono i cosiddetti consapevoli, quelli cioè, che si prestano ad aprire ditte individuali a loro nome per poche centinaia di euro. Si tratta di nullatenenti di tutte le età.

La truffa per frodare compagnie telefoniche

La truffa è stata messa su soprattutto per frodare le compagnie telefoniche ben sapendo, purtroppo, che quasi mai sporgono denuncia contro i truffatori. Il raggiro ruota attorno alla sottoscrizione dei contratti telefonici per ottenere un cellulare di alta fascia che poi viene rivenduto immediatamente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button