Ruggi, 53 infermieri interinali perderanno il lavoro

morta-febbre-ospedale-salerno-autopsia

SALERNO. Mancano tre giorni alla scadenza del contratto di lavoro, prevista per il 30 giugno 2016. 53 infermieri interinali del Ruggi d’Aragona non hanno ricevuto alcuna comunicazione circa il loro futuro lavorativo. Con ogni probabilità, dal 1° luglio, l’Ospedale avrà 53 infermieri professionali in meno, impegnati attivamente in reparti come Pronto Soccorso o Neurologia. Inoltre, ai […]

SALERNO. Mancano tre giorni alla scadenza del contratto di lavoro, prevista per il 30 giugno 2016. 53 infermieri interinali del Ruggi d’Aragona non hanno ricevuto alcuna comunicazione circa il loro futuro lavorativo.

Con ogni probabilità, dal 1° luglio, l’Ospedale avrà 53 infermieri professionali in meno, impegnati attivamente in reparti come Pronto Soccorso o Neurologia. Inoltre, ai 53 lavoratori non sono ancora state pagate le spettanze del mese di maggio, per ritardi nei pagamenti da parte dell’Azienda Ospedaliera. Un ritardo che sembra un “habitué”, come spiega il segretario Nidil Cgil, Antonio Capezzuto:

«Il ritardo nel pagamento degli stipendi non è una novità. Negli ultimi 4 anni gli infermieri interinali hanno ricevuto le spettanze mensili sempre in ritardo, provocando loro gravi problemi nel pagamento delle rate di mutui, assicurazioni e utenze domestiche. E’ un atteggiamento irresponsabile dell’Azienda Ospedaliera e dell’Agenzia Lavorint che non dimostrano alcun rispetto nei confronti di chi ogni giorno si fa carico delle urgenze all’interno dei reparti più affollati e delicati dell’Ospedale. Non è possibile che siano i sindacati a dover puntualmente ricordare all’Azienda Ospedaliera di pagare le fatture affinché siano pagati gli stipendi ai lavoratori. E’ necessario e lecito a questo punto comprendere i motivi di tali ritardi ed individuare soprattutto le responsabilità. In mancanza di risposte immediate, avvieremo tutte le iniziative possibili a tutela dei lavoratori, sollecitando allo stesso tempo la Prefettura di Salerno per la risoluzione del problema».

Fonte (QUI)

TAG