Cronaca

Sala Consilina: commerciante arrestato per bancarotta fraudolenta ed estorsione

L'uomo, un cittadino italiano, è stato arrestato dagli agenti della Polstrada, all'interno della propria rivendita di autoveicoli usati.

Bancarotta fraudolenta ed estorsione. Sono queste le accusa che hanno portato all’esecuzione da parte della Polizia di Stato di un provvedimento, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro, a carico di un cittadino italiano per l’espiazione di una pena di anni 7 e mesi 1.

Commerciante di autoveicoli arrestato a Sala Consilina

In particolare, l’operazione, effettuata da personale della Sottosezione Polizia Stradale di Sala Consilina e della Sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Lagonegro, ha consentito l’arresto di un commerciante di autoveicoli usati, già in passato sanzionato a seguito di mirati controlli amministrativi della Polizia Stradale, per i reati di bancarotta fraudolenta ed estorsione.

Le indagini

Il soggetto è stato sorpreso all’interno della sua rivendita, regolarmente attiva, del tutto ignaro del provvedimento a suo carico emesso, in quanto fiducioso dell’accoglimento di un ricorso precedentemente presentato. Espletate le attività di rito l’arrestato, dopo essere stato sottoposto ai rilievi fotosegnaletici, è stato trasferito presso la Casa Circondariale di Potenza per essere posto a disposizione dell’A.G. procedente. 

Articoli correlati

Back to top button