Cronaca

Sala Consilina, prof salta la scuola con certificati falsi: condannata

SALA CONSILINA. È stata condannata dal Tribunale e dalla Corte dei conti, ora la donna, una professoressa originaria del Vallo di Diano che ha utilizzato certificati medici falsi per non svolgere il suo lavoro in cattedra, dovrà pagare duemila euro ad un istituto toscano. Come racconta il quotidiano Il Mattino, la storia ha inizio nove anni fa, quando la prof salese insegnava nella regione di Dante ma per non andare a lezione aveva presentato dei certificati medici.

Il provvedimento da parte della Corte dei conti è stato emesso una volta appurato che la professoressa valdianese aveva falsificato i certificati medici per avere un maggior numero di giorni di riposo. La vicenda è risalente al 2008 e i certificati presentati dall’insegnante sono due e hanno portato al procedimento nei confronti della donna.

All’epoca la prof fu denunciata e condannata in primo grado per il reato di truffa. Sentenza poi passata in giudicato nel 2011. A tre anni dalla denuncia, infatti, la Corte di Appello ha condannato l’insegnante per il reato di truffa alla pena di due mesi di reclusione e ad una multa di 100 euro. 

Dopo questa sentenza arriva quella della Corte dei Conti che ha contestato un danno materiale nei confronti della docente di 315 euro connesso alla mancata prestazione lavorativa in conseguenza delle falsificazioni dei certificati medici, nonché un danno all’immagine dell’istituto scolastico toscano di duemila euro. Due certificati medici fasulli pagati in modo salato per la professoressa, che quindi risulta essere stata assente e soprattutto – secondo le varie sentenze – senza giustificazione.

Articoli correlati

Back to top button