Cronaca

Aggredito da un collega, gestore chiude lo storico locale in piazza: rabbia a Sala Consilina

Sala Consilina, proprietario aggredito e il locale chiude per sempre. Avrebbe subito colpi e minacce da parte del gestore di un altro locale

Chiude un locale molto frequentato di Sala Consilina: il proprietario è stato aggredito e ha denunciato l’accaduto ai carabinieri. In particolar modo, avrebbe subito colpi e minacce da parte del gestore di un altro locale del centro storico come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Sala Consilina, proprietario di locale aggredito: scatta la chiusura

L’aggressione sarebbe scattata in seguito alla pubblicazione sui  social di alcuni post relativi alle condizioni critiche per la sicurezza della piazza di Sala Consilina. E così i proprietari del Li.Lo hanno deciso di chiudere la serranda, per sempre.

Le condizioni di abbandono, spopolamento e degrado inerenti all’area della piazza Umberto I sono note a chiunque abbia una briciola di senso civico da qualche anno, ogni estate, noi abbiamo reso noti, al nostro primo cittadino e alle forze dell’ordine, episodi di inciviltà che allontanano la clientela o spaventano i nostri clienti, tranquillamente seduti in terrazza“.

L’aggressione di domenica sera

“Quest’anno  il copione non è cambiato: come ogni anno anche le nostre ragioni sono cadute nel vuoto, inascoltate fino all’epilogo di domenica sera, quando abbiamo subito un’aggressione fisica e verbale, con numerose minacce verso di noi e i nostri cari, rei di aver parlato, scritto e denunciato il mal costume”.

E così il locale chiude i battenti dopo 6 anni: “Di fronte alla solitudine istituzionale a cui siamo stati lasciati, di fronte alla consapevolezza di non essere al sicuro nemmeno tra le nostre mura, di non poter più lavorare in sicurezza e di non essere al momento adeguatamente tutelati rispetto al degrado che ci circonda, noi diciamo basta. Le porte del Li.Lo. resteranno chiuse”.

Articoli correlati

Back to top button