Salernitana, i convocati per Cesena. Menichini: "Nalini? Può fare uno spezzone se serve, non dobbiamo farci condizionare dalla classifica!"

Andrea Nalini c’è. La “Freccia del Nord” torna nuovamente tra i convocati dopo la breve comparsa di Lanciano dello scorso ottobre, avvenuta quasi un girone fa. Le chance di vedere il calciatore veneto in campo, a distanza di quasi un anno dall’ultima volta (era il 16 marzo 2015 nella sfida tra Salernitana e Matera), sono concrete. […]

Andrea Nalini c’è. La “Freccia del Nord” torna nuovamente tra i convocati dopo la breve comparsa di Lanciano dello scorso ottobre, avvenuta quasi un girone fa. Le chance di vedere il calciatore veneto in campo, a distanza di quasi un anno dall’ultima volta (era il 16 marzo 2015 nella sfida tra Salernitana e Matera), sono concrete. L’esterno proviene da una settimana di allenamenti in gruppo, è ancora alla ricerca della migliore condizione ma Menichini l’ha reputato idoneo per quest’ultimo rush finale. Sarà lui, quindi, l’arma in più di questa Salernitana a cui manca la vittoria da ben sei turni (quattro pareggi e due sconfitte). Sostituirà, dal punto di vista tecnico e numerico, Denilson Gabionetta ceduto la scorsa settimana in Cina (ha debuttato quest’oggi nella massima serie del campionato cinese venendo ammonito) ma non avrà la “dieci” tanto desiderata: la società granata, qualche settimana fa, gli aveva consegnato la “cinque” e tale scelta verrà confermata.

il tecnico toscano dovrà fare a meno per la trasferta di Cesena dello squalificato Ceccarelli e degli infortunati Franco (lombalgia), Ikonomidis (nelle prossime ore sarà sottoposto ad esami strumentali per verificare l’entità dell’infortunio all’adduttore) e Prce (pubalgia). Non convocati Trevisan per scelta tecnica, Schiavi e Ronaldo in attesa di recuperare la forma fisica migliore (il brasiliano sarà disponibile per lo scontro diretto contro il Lanciano).

Di seguito i venti convocati di Menichini:

PORTIERI: Strakosha, Terracciano;
DIFENSORI: Bagadur, Bernardini, Colombo, Empereur, Pollace, Rossi, Tuia;
CENTROCAMPISTI: Bovo, Moro, Nalini, Odjer, Pestrin, Zito;
ATTACCANTI: Bus, Coda, Donnarumma, Gatto, Tounkara.

Queste le dichiarazioni alla vigilia della sfida di domani sera da parte del tecnico toscano: “In settimana ho cercato di tirare su il morale della squadra perché dopo la partita contro l’Entella c’era tanta amarezza. Ho pregato i ragazzi di non guardare la classifica e di continuare a lavorare per fare prestazioni positive. Alla classifica ci penseremo al momento opportuno, ora dobbiamo fare punti, invertire la tendenza negativa e la partita di Cesena sotto questo profilo è sicuramente una gara molto difficile. Ci siamo preparati per fare la nostra partita, pur sapendo che difronte abbiamo un avversario di grande spessore, una squadra ben attrezzata che considero al pari di Cagliari e Crotone ma noi vogliamo andare lì per giocarci le nostre chance”.

Sul prossimo avversario: “Non possiamo riavvolgere il nastro della partita di martedì ed è inutile recriminare. Dobbiamo guardare avanti con fiducia, cercando di stare più concentranti e attenti per riuscire a portare a casa punti importanti. Il Cesena ha collezionato 37 punti su 15 partite in casa, di cui 12 vittorie, 1 pareggio e 2 sole sconfitte. E’ una squadra che ha molte qualità, dal canto nostro dovremo fare più possesso palla quando ne avremo l’opportunità per togliere loro le possibilità di colpirci, dobbiamo chiudere gli spazi in fase di non possesso e quando recuperiamo palla dobbiamo giocarla con intelligenza”.

Su Nalini, al rientro dopo un lungo stop: “Nalini torna tra i convocati, si è allenato in settimana e si sta muovendo abbastanza bene. E’ rimasto fermo per tanto tempo e non ha ancora la condizione ma sto cercando di gestirlo e se ce ne fosse bisogno domani potrebbe fare anche uno spezzone di partita. Per il resto la squadra sta abbastanza bene, devo valutare alcune alternative dietro, domani faremo un risveglio muscolare e farò le mie ultime valutazioni”.

Menichini ha quindi concluso: “Non dobbiamo farci condizionare dai risultati delle altre né dalla classifica. Dobbiamo continuare a pensare di partita in partita, giocando da squadra e aspettando il momento giusto per colpire”.

TAG