Salernitana, Rossi: «Prestito? Vedremo, ma aspetto prima il test Auronzo»

Alessandro Rossi, la promessa italiana che fa letteralmente impazzire moltissime società italiane, ha una corsia preferenziale per la Salernitana inquanto, il co-patron Lotito ha più di una volta pensato di cederlo in prestito all’Arechi per fargli fare un po’ “le ossa” in attesa del futuro ingresso in scena nelle schiere bianco-celesti. Se non si frappone […]

Alessandro Rossi, la promessa italiana che fa letteralmente impazzire moltissime società italiane, ha una corsia preferenziale per la Salernitana inquanto, il co-patron Lotito ha più di una volta pensato di cederlo in prestito all’Arechi per fargli fare un po’ “le ossa” in attesa del futuro ingresso in scena nelle schiere bianco-celesti. Se non si frappone il tecnico della Lazio Inzaghi, fra lui e la Salernitana c’è un’intesa che può crescere in maniera progressiva.

Stando a quanto racconta il portale “Lalaziosiamonoi.it”, il classe ’97 della Lazio Primavera ha disputato una grandissima stagione, i numeri la dicono lunga sulle sue eccellenti performance in mezzo al campo e le 3 presenze in massima serie con la prima squadra permette al tecnico ex Salernitana Andrea Bonatti, che ha avuto modo di affinare il giovane Rossi, di renderlo una vera e propria “macchina da guerra”.

Il ragazzo, prima di pensare al futuro, desidera essere convocato per il ritiro in prima squadra di Auronzo, al fine di comprendere a pieno se può proseguire la sua carriera in bianco-celeste o andare in prestito alla corte di mister Bollini. «In prestito si cresce molto, ma l’ambiente Lazio è casa mia, non vorrei mai andarmene. Poi naturalmente l’ultima parola spetta alla società». Si attendono, dunque, gli sviluppi della vicenda.

TAG