Salernitana

Ventidue anni fa la tragedia del treno: Salerno ricorda i quattro angeli granata

Salernitana, la tragedia dei tifosi morti il 24 maggio del 1999: cosa successe in quel treno nel quale persero la vita quattro ragazzi

Il 24 maggio del 1999 quattro tifosi della Salernitana perdevano la vita nella strage della Galleria Santa Lucia. Ventidue anni fa si consumava la tragedia del treno nella quale sono morti  Vincenzo Lioi, di 15 anni, Ciro Alfieri, di 16 anni, Giuseppe Diodato e Simone Vitale, di 23 anni.  Venti persone vennero ricoverate per le ferite, mentre due agenti furono intossicati dal fumo dell’incendio.


salernitana-tifosi-morti-treno-24-maggio-cosa-successo-nomi-vittime


Salernitana, il ricordo dei quattro tifosi morti il 24 maggio del 1999

La strage della galleria Santa Lucia, occorsa la mattina del 24 maggio 1999, venne causata dall’incendio del treno 1681, proveniente da Piacenza e diretto a Salerno, all’interno della Galleria Santa Lucia della linea ferroviaria Napoli-Salerno; l’incendio venne provocato da ultras della tifoseria salernitana e causò la morte di 4 persone e il ferimento di altre.

Il 23 maggio 1999 si svolse l’ultima partita del campionato di Serie A tra il Piacenza e la Salernitana, finita in pareggio, che decretò la retrocessione di quest’ultima in Serie B. Alla fine della partita ci furono vari scontri tra tifoserie e calciatori. Intervennero le forze dell’ordine per riportare la calma in campo e sugli spalti nonché per condurre i 1.500 tifosi della Salernitana fuori dallo stadio Garilli fino alla stazione di Piacenza, dove era stato predisposto il treno numero 1681, con sedici carrozze, diretto alla stazione di Salerno; per la scorta erano stati previsti 12 agenti di polizia.

All’interno delle vetture si scatenarono subito disordini d’ogni genere; il treno, previsto alle 20:04, partì alle 23:00 circa. Durante il viaggio vennero scardinati e scaricati gli estintori, strappati i sedili e rotti i finestrini; il treno si fermò spesso a causa dell’indebito azionamento dei freni a mano. Nella stazione di Bologna i facinorosi si rifornirono di pietre che lanciarono poi lungo il percorso causando danni a Grizzana Morandi, a Prato, a Firenze Campo di Marte, a Roma e a Napoli.

Nocera Inferiore vennero lanciati sassi contro le abitazioni e i veicoli e, infine, all’interno della Galleria Santa Lucia venne appiccato un incendio che divampò rapidamente. I macchinisti cercarono di far uscire il treno dalla galleria ma questo si arrestò a causa dei freni a mano serrati quando metà convoglio era ancora dentro. I vigili del fuoco furono costretti a operare con molte difficoltà per spegnere il rogo all’interno della galleria e recuperare le salme dal quinto vagone. Molti tifosi, per sfuggire all’ampliamento del rogo, erano già saltati giù dai finestrini.

Le indagini e il processo

Il sospetto degli inquirenti si appuntò sui più facinorosi tra gli ultrà che avrebbero appiccato l’incendio per creare un diversivo atto a impedire l’arresto dei più violenti da parte delle forze dell’ordine all’arrivo nella stazione di Salerno. Il pubblico ministero, Di Florio, nel corso degli interrogatori ricavò una rosa di nomi tra i possibili responsabili dell’incendio. Si parlò anche di un candelotto fumogeno come possibile innesco.



Furono condannati a 8 anni di carcere Raffaele Grillo, di 20 anni, e Massimo Iannone, di 22 anni. Francesco Fiammenghi, di 23 anni, accusato di danneggiamenti, fu condannato invece a 8 mesi. Furono assolti “per non aver commesso il fatto” Bianca Sammarco, la funzionaria di turno delle Ferrovie dello Stato accusata di disastro colposo, e Tommaso Campanella, ispettore della Polfer.

Le vittime della strage del treno

Vittime della strage furono Vincenzo Lioi, di 15 anni, Ciro Alfieri, di 16 anni, Giuseppe Diodato e Simone Vitale, di 23 anni. Venti persone vennero ricoverate per le ferite, mentre due agenti furono intossicati dal fumo dell’incendio.

Il cordoglio del sindaco

“Sono passati 22 anni da quella tragica mattina che sconvolse la nostra città. Il dolore per la morte di quattro giovanissimi salernitani è ancora vivo nella mente di tutti noi. E lo è forse ancor di più oggi, in questi giorni di grande gioia per i tifosi e la comunità tutta. Ciro, Enzo, Peppe, Simone: Salerno non dimentica” è il messaggio di cordoglio del sindaco Vincenzo Napoli.

Articoli correlati

Back to top button