Salerno, allarme tra i cittadini per i pagliacci che rapiscono i bambini. È solo una bufala

SALERNO. Da giorni ormai i cittadini di Salerno sono alla ricerca di un furgone bianco. Si tratta, da quanto detto fin ora, di un mezzo utilizzato da rumeni o polacchi (evidentemente non sono riusciti ad accordarsi per bene sull’origine) travestiti da pagliacci, a mo’ di IT, che rapirebbero i bambini per la vendita clandestina di organi. In realtà si tratta di una bufala in piena regola che ha colpito non solo Salerno ma un po’ tutta la Campania.
L’allarme ha già fatto il giro dei popolari social network e Whatsapp, con messaggi che dicevano di stare attenti ai propri figli, di segnalare un’eventuale presenza di un furgone bianco alla polizia e, addirittura, di un coprifuoco stabilito dalle Forze dell’Ordine. Insomma, il panico. Peccato però che non ci sia niente di vero se non il fatto che sarebbe il caso di imparare ad utilizzare i social network con cognizione di causa. Magari, vietandolo ai bambini o ai ragazzini.

La bufala, in sintesi, sarebbe la ricostruzione della popolare miniserie It: una creatura di origine aliena che ammazzava i bambini. In questo caso, una piccola rivisitazione per renderla più reale non poteva mancare: talvolta, infatti, questi pagliacci rapivano i bambini per ammazzarli e rivendere poi gli organi, talvolta, invece, per venderli magari agli zingari e ricavarne qualche soldo.

Intanto, nonostante i fatti sembrassero abbastanza surreali, non sono mancate chiamate a carabinieri e polizia per chiedere delucidazioni in merito o segnalare la presenza di un furgone bianco, molto simile a quello della descrizione. Le Forze dell’Ordine, come facilmente prevedibile, hanno messo le mamme disperate di fronte alla realtà: nessuna segnalazione, nessun pericolo, nessun pagliaccio o furgone ma, evidentemente, non è bastato visto che si continua a parlare di questa storia nonostante ora sia ben chiaro che è solo una bufala, realizzata ad opera d’arte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto