Cronaca

Salerno, bimba di due mesi rischia di morire perché in ospedale mancano gli aghi

La piccola Sofia Rosa, una bimba di soli due mesi ha rischiato di morire di disidratazione all’ospedale Ruggi di Salerno a causa della mancanza degli aghi. La piccola è stata poi trasferita all’ospedale di Battipaglia.

Bimba di due mesi rischia di morire

«A due mesi di vita mia figlia ha rischiato di morire, in ospedale, a causa di una disidratazione. E tutto questo perché il Ruggi di Salerno non ha le attrezzature necessarie per poter assistere i piccoli pazienti… Neanche gli aghi per le flebo…». È amaro lo sfogo di Raffaele Citro, il papà della piccola Sofia Rosa. La sua bimba quasi le moriva davanti agli occhi mentre lui tentava di reidratarla spruzzandole acqua e sali minerali con una siringa nelle piccola bocca. Il calvario della sua piccina è durato sei giorni prima che, ormai collassata e con pochi minuti ancora di vita, i medici del San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona «si sono decisi a trasferirla a Battipaglia, in ambulanza, nel suo passeggino… quello stesso passeggino dove è stata adagiata per tutto il tempo del ricovero».

Ieri Sofia Rosa è stata trasferita dalla Rianimazione pediatrica al reparto ma dovrà ancora restare in ospedale, a Battipaglia, per degli accertamenti, per capire se il suo calvario possa averle creato altre disfunzioni. «Abbiamo lottato contro i secondi – ammette il pediatra Antonio Pisapia che ha rianimato la piccina al suo arrivo a Battipaglia – siamo stati costretti a mettere una flebo intraossea perché le sue vene era tutte chiuse e la piccola piena di ecchimosi provocate dai continui tentativi di infilarle un ago nelle vene». «Perché – aggiunge il papà – a Salerno l’hanno martoriata per trovarle le vene e hanno utilizzato aghi non adatti ad una piccina di due mesi, provando anche sulla testa. Alla terapia intensiva neonatale non l’hanno accettata perché li si lavora con i bimbi fino ad un mese di vita… E a me e a mia moglie hanno fatto credere che ci fosse la rianimazione pediatrica»

Articoli correlati

Back to top button