Cronaca

Salerno, calvario dopo essere stato ustionato su una nave: scatta l’inchiesta

SALERNO. È sul calvario vissuto da un uomo coinvolto in un incidente su una nave che la procura di Salerno ha aperto un’indagine.

Calvario dopo essere stato ustionato su una nave

Alessandro Sannino, questo il nome dell’uomo coinvolto dall’incidente verificatosi il 22 marzo scorso, faceva l’operaio sulla motonave Rhapsody della “Grandi navi veloci”, sulla tratta Genova – Tangeri.

Mentre svolgeva il proprio lavoro, nella sala macchine, alle 9 di mattina viene allertato dal primo ufficiale per un intervento di manutenzione a una delle due caldaie, in cui pare si fosse registrata una perdita.

Ed è proprio mentre faceva questo che Sannino viene colpito da un getto di vapore bollente che lo travolge.

Subito sono scattate le prime cure in una clinica di Tangeri, in Marocco, e poi il calvario di un lungo viaggio in mare verso l’Italia e di un altro tragitto da fare in auto, da Genova a Salerno, prima di poter essere ricoverato nella terapia intensiva del Cardarelli di Napoli, dove i medici gli hanno diagnosticato ustioni di terzo grado su braccia, gambe, torace, clavicola, fianco e dita.

L’inchiesta

Ora, come riporta La Città, è scattata l’inchiesta per verificare se vi siano ipotesi di reato nelle modalità con cui il 47enne Alessandro Sannino è stato soccorso e, soprattutto, se quell’incidente sul lavoro poteva essere evitato.

Articoli correlati

Back to top button