Curiosità

Carnevale 2018: chiacchiere sempre più casalinghe

SALERNO. Tante sono le chiacchiere che si dicono e si mangiano a Carnevale, ma ogni regione ha chiaramente i suoi dolci tipici. Gli struffoli sotto il Vesuvio – anche se in buona parte della Campania sono considerati dolci natalizi –  le bugie in Liguria, frappe e castagnole a Roma, i crostoli in Friuli Venezia Giulia. E sempre più spesso di preparazione casalinga, riporta l’Ansa.

Il trionfo del fritto

Da Sabato a Martedì grasso è un trionfo del fritto. Secondo una indagine Coldiretti/Ixè, vince la cucina fatta in casa per 4 famiglie su 10 che riscoprono le specialità tradizionali, con la pasticceria home made, soprattutto durante le feste.

”Nella settimana di Carnevale – stima la Coldiretti – vengono consumati circa 12 milioni di chili di dolci tipici. E se i prodotti della ricorrenza, già pronti, si possono trovare un po’ ovunque, dalle pasticcerie, ai fornai ai supermercati, il 41% delle famiglie preferisce però prepararli in casa. Anche perché il costo non raggiunge i 5 euro al chilo contro una spesa dai 15 ai 30 euro, con picchi anche di 65 euro, nei forni e nelle pasticcerie”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto