Salerno, il centrosinistra si spacca: «Luciano verifichi il perimetro della maggioranza»

Dopo le crepe in seno alla maggioranza, verificatisi nel corso dell’ultimo consiglio comunale, i consiglieri iscritti al Partito Democratico.

SALERNO. Dopo le crepe in seno alla maggioranza, verificatisi nel corso dell’ultimo consiglio comunale, i consiglieri iscritti al Partito Democratico e candidati nelle tre  liste civiche “Progressisti per Salerno”, “Salerno per i giovani” “Campania Libera” hanno chiesto di incontrare i vertici provinciali e regionali del partito.

Il summit

All’esito dell’incontro, tenutosi oggi presso la sede Pd di via Manzo, alla presenza di Piero De Luca, membro della segreteria regionale, e di Vincenzo Luciano, neo segretario provinciale e capo staff del sindaco Enzo Napoli, i consiglieri comunali di maggioranza – recita una nota ufficiale – «hanno fortemente stigmatizzatocriticato preso le distanze dalla irresponsabile posizione politica di opposizione assunta formalmente da alcuni esponenti politici di maggioranza nel corso dell’ultimo consiglio comunale, manifestando ufficialmente di non condividere le linee programmatiche del progetto politico di crescita e sviluppo della nostra città».

Per questo hanno invitato Luciano a “valutare e verificare insieme al sindaco l’attuale perimetro della maggioranza. Da oggi, la maggioranza stessa sarà più solida, coesa e determinata nel portar avanti in modo unitario e condiviso il programma di governo della nostra città».

Il nodo politico

Nel mirino sono finiti i consiglieri Leonardo Gallo e Corrado Naddeo che, durante l’assise municipale, hanno espresso perplessità rispetto  al piano delle alienazioni e alla famosa variante di Matierno chiedendo un rinvio della discussione per un ulteriore approfondimento.

TAG