Cronaca

Salerno, condannati 3 nordafricani per abusi sessuali

 

SALERNO. Un 50enne di origine tunisina A.W. è stato condannato a quattro anni e sei mesi per abusi sessuali per aver toccato in maniera insistente il sedere di un giovane all’interno di un ritrovo per omosessuali.

L’uomo ora dovrà rispondere anche del reato di sequestro di persona insieme a due complici marocchini, R.S. e A.B. A loro due è stata inflitta una pena di quattro anni di reclusione. Accadde cinque anni fa quando i tre andarono in un bar del centro storico. E cosi poco dopo nella folla A.W. si avvicino al giovane e iniziò a toccargli il sedere per lungo tempo.

Il palpeggiamento andò avanti con insistenza. Il tunisino e i complici spinsero, nel corso della rissa, il malcapitato nei bagni insieme a due ragazzi di 22 e 27 anni e ad altri clienti del locale che però non sono stati identificati.

I malcapitati furono minacciati dai tre africani con una bottiglia che agitavano inveendo contro di loro. Le prove presentate dall’accusa hanno convinto i giudici della colpevolezza degli imputati.

Ed ecco che scattano le sanzioni: Il marocchino A.B. risultava in possesso di sei grammi di hashish ma il tribunale lo ha assolto perche il fatto non sussiste. I giudici, inoltre, hanno stabilito una provvisionale di 7mila 500 euro a favore dell’unica parte civile costituita.

La difesa invece ricorrerà in appello appena saranno depositate le motivazioni, difesa rappresentata dagli avvocati Luciano Pepe e Gaetana Mastroberardino.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio