Cronaca

Salerno, convegno sulla sicurezza: «agli africani va insegnato che non si deve violentare». Scoppia l’indignazione

SALERNO. «Non possiamo pretendere che un africano sappia che in Italia, sulla spiaggia, non si può violentare una persona, perché lui probabilmente non lo sa proprio». Una frase, forse semplicemente impostata male, forse frutto di opinioni personali, scatena l’indignazione sul web. L’avvocato del Comitato pari opportunità della Corte d’appello di Salerno Carmen Di Genio in questo preciso momento è al centro di una turbolenta tempesta mediatica.

Girato due giorni fa nella sala del Gonfalone di Salerno città, durante il convegno nazionale sulla sicurezza e legalità, il video che riprende l’esempio utilizzato dalla Di Genio, probabilmente un’infelice scelta di parole, ha causato stupore e malumore.

«Il terrorismo è uno spettro, un individuo invisibile, inidentificabile – le parole della Di Genio – Cosa possiamo fare per prevenire fenomeni di terrorismo? Dovremmo innanzitutto regolamentare, disciplinare gli ingressi degli extracomunitari in Italia. Dobbiamo assolutamente non innalzare muri – sottolinea – però, laddove consentiamo l’ingresso, perché si possa dire attuato il principio di legalità e dunque rispettata la regola, dobbiamo accogliere e anche educare a queste regole chi viene nel nostro Paese».

Un concetto ribadito più volte dall’avvocato. «Dobbiamo scegliere in Italia: o non facciamo entrare gli extracomunitari e andiamo ad aiutarli nei loro territorio, con i contributi che pure ottiene l’Italia per far entrare questa gente, oppure, se li accogliamo, li dobbiamo necessariamente integrare, educare alla nostra legalità».

Sui social lo sdegno non ha atteso a farsi sentire, prima tra tutte la pagina Facebook “Un’ Italia senza comunisti”: «non troviamo le parole per definire una persona che dice queste cose, pidiota è troppo poco».

Nemmeno la politica si fa attendere, con il deputato salernitano di Fi-An Edmondo Cirielli, che risponde: «queste persone che arrivano nel nostro Paese e si macchiano di reati gravissimi, quali violenze sulle donne, vanno espulse. Altro che educate. Purtroppo, gli italiani in questi anni hanno imparato sulla loro pelle di cosa sono capaci questi selvaggi, pagando un prezzo altissimo».

(fonte e foto Il Mattino)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button