Cronaca

Salerno: detenuto morto per scarsi controlli medici

SALERNO. Il decesso di Ivan Gentile, 43enne originario di Agerola detenuto presso il carcere di Fuorni, poteva essere evitato.

Ciò è quanto emerge dalla consulenza redatta dal dottor Giovanni Zotti a perizia compiuta.

Secondo Il Mattino, il suddetto era un soggetto cardiopatico, ragion per cui la casa circondariale avrebbe dovuto procedere a migliori e più intensi accertamenti finalizzati ad evitare l’arresto cardiaco.

La perizia pare mettere in evidenza la negligenza degli operatori sanitari, aggravando ancor di più la posizione dell’Asl. 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button