Cronaca

Salerno, Vincenzo maturando a 64 anni: lo aveva promesso alla moglie uccisa dal Covid

Salerno, agli esami di stato anche il 64enne Vincenzo Lifrieri: lo aveva promesso alla moglie Tina, morta lo scorso anno per Covid

Iniziano anche a Salerno gli esami di stato 2022 e tra i maturandi ci sarà Vincenzo Lifrieri, 64enne originario di Spezzano Albanese (provincia di Cosenza). Questa mattina sosterrà la prima prova dell’esame all’Istituto Galileo Galilei di Salerno come raccontato in una intervista al quotidiano Il Mattino.

Salerno, gli esami di stato del 64enne Vincenzo Lifrieri

L’uomo si ritroverà tra i banchi di scuola dopo una scommessa con l’amata moglie Tina, uccisa dal Covid il 21 gennaio dello scorso anno. Aveva promesso alla consorte di tornare a scuola per conseguire il diploma di geometra. E così, quarantacinque anni dopo aver abbandonato la scuola, Vincenzo si rimette in gioco: “Sto studiando senza sosta, autori e poeti del Novecento e dell’Ottocento. Ma confesso che sono indirizzato verso il tema di attualità” ha raccontato.

Abbandonò la scuola quando aveva 18 anni e frequentava il quarto anno di ragioneria. Una decisione obbligata in seguito alla morte del padre. Si è dovuto fare da solo ed è riuscito a coltivare la sua passione, quella per il pianoforte che lo ha portato a suonare sulle navi in mezzo mondo: “Ho suonato a Londra, Stoccolma, Monaco, bei ricordi, ma adesso ho smesso, la mia vita è cambiata”.

La promessa alla moglie

Il 21 gennaio del 2021, il tragico evento: la moglie, Tina, maestra salernitana, è deceduta a causa delle complicanze del Covid. L’anno prima avevano fatto una scommessa: “Diplomarmi a 64 anni in indirizzo geometra. Tornare a scuola dopo 45 anni e regalarmi questa gioia. Mia moglie è stata una maestra di scuola elementare molto stimata. Aveva alle spalle 39 anni di insegnamento quando il Covid se l’è portata via. È stata lei a indirizzarmi su questa strada, a convincermi di riprendere in mano i libri e studiare. Ha insegnato venti anni nella frazione di Sant’Angelo di Mercato San Severino. Ecco, tornare a scuola per diplomarmi è stato un suo consiglio. Amava la scuola. E oggi l’amo anche io. Dedico alla mia Tina questo traguardo che spero di raggiungere con tutto me stesso. Sto studiando e mi sono impegnato sempre”.

Articoli correlati

Back to top button