Salerno, frutti di mare illegali: il sequestro in un ristorante del centro storico

datteri-salerno

Blitz della Capitaneria in un ristorante del centro storico di Salerno: sequestrati frutti di mare illegalmente pescati, rivenduti e cucinati

Blitz della Capitaneria in un ristorante del centro storico di Salerno: sequestrati frutti di mare illegalmente pescati, rivenduti, cucinati e serviti al tavolo.

Sequestro in un ristorante del centro storico di Salerno

Gli uomini della Capitaneria di porto accompagnati da due finanzieri, hanno sequestrato dei frutti di mare illegali chiedendo delucidazioni ai due titolari del locale. Per i due gestori è scattata la denuncia: dovranno rispondere ora all’autorità giudiziaria. Per gli uomini della Capitaneria di porto si tratta soltanto di uno degli step di una indagine avviata da tempo a tutela di un prodotto tutelato e nel rispetto delle leggi. Secondo gli investigatori, difatti, dietro ai datteri di mare c’è un giro d’affari illegale.  Il danno ambientale calcolato ogni anno solo in Campania, si stima intorno a 70.000 metri quadrati di desertificazione dei fondali.

TAG